F1, Gp dell’Emilia Romagna: Ferrari promosse dopo le prove libere

Per la Ferrari la prima giornata di prove libere del Gran Premio di Emilia Romagna è stata complessivamente molto positiva.

In mattinata Charles Leclerc ha realizzato il quarto tempo, con Carlos Sainz subito dietro in quinta prestazione. I due piloti si sono scambiati le posizioni nel pomeriggio, quando è stato lo spagnolo a piazzarsi in quarta posizione e il monegasco a occupare la quinta.

Peccato per la sbavatura di  Leclerc andando a muro alla Rivazza a 3 minuti dal termine della FP2, distruggendo la parte anteriore destra della sua monoposto.

Al di là degli errori, la SF21 ha mostrato di avere un potenziale molto interessante a Imola.

Il pilota monegasco, al termine della seconda sessione di prove odierna, non ha nascosto la sua soddisfazione.

“Oggi ci sono tanti aspetti positivi. Non è stata una giornata semplice, ma le prestazioni sono state ottime. Le Prove Libere 1 non siamo riusciti a completarle per un piccolo problema, ma poi la macchina ha dato ottime sensazioni. Nelle Libere 2 siamo stati molto competitivi, anche se purtroppo mi hanno cancellato il miglior tempo per essere andato di poco oltre i limiti della pista alla Curva 9. La cosa più importante sarà non ripetere quell’errore in qualifica. Però avevo ottime sensazioni sia sul giro secco che sul passo gara“.

Carlos Sainz è apparso subito carico in questo venerdì di prove, giornata che ha segnato il suo esordio in Rosso su una pista italiana. Il pilota madrileno ha trovato subito il giusto feeling con la sua SF21.

“Oggi già dai primi giri in FP1 non sapevo cosa aspettarmi per via delle condizioni più fredde e dell’asfalto meno abrasivo, ma ho visto che con la vettura riuscivo a spingere di più, ad andare più vicino al limite, senza accusare sovrasterzo o sottosterzo. Continuo a migliorare giro dopo giro ed ho avvertito un maggior grip rispetto al round del Bahrain, ma questo vale per tutti i team, non solo per noi”.

Dunque una Ferrari vicina al vertice della classifica, anche se rimane il dubbio che il distacco dalle Mercedes possa essere decisamente più elevato di quanto dicano le graduatorie dei tempi.

Quali possono essere le aspettative reali della Ferrari per la giornata di sabato?

Per quanto visto oggi, l’obiettivo massimo sembrerebbe essere quello di piazzare una vettura in seconda fila e una in terza.

Foto dal Web

 

 

 

Translate »
error: Contenuto protetto!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: