Rizzoli sul protocollo: “Il rispetto parte dalla distanza”

Data della ripartenza che sta creando molta attesa non solo per il mondo dei calciatori e dei tifosi, ma anche nei confronti degli arbitri di cui nel nuovo protocollo sono state scritte delle norme.

Durante l’intervista esclusiva di SportMediaset, Nicola Rizzoli ha ipotizzato un incontro nella sede della Figc una settimana prima della ripresa.

Poi parlando delle nuove norme da tenere in partita con gli arbitri, afferma: “Si potrà dialogare tranquillamente avendo rispetto per il direttore di gara: quindi confronto tra due persone, non uno contro quattro. Il rispetto parte proprio dalla distanza”.

L’ex arbitro ha spiegato poi:  “Nella sala VAR ci saranno solo tre figure invece di quattro, così aumenteranno le distanze interpersonali. All’interno della cabina di regia, distanziati da plexiglass e con guanti e mascherine, ci saranno VAR, AVAR e operatore mentre lo spotter, che comunicava con la regia, rimarrà all’esterno”.

Sulle partite in trasferta Rizzoli dichiara:La priorità è avere l’arbitro giusto per la partita giusta anche se dovremo tenere in conto di come arriveranno allo stadio”.

Continuando poi sull’idea di far esporre gli arbitri per spiegare le decisioni prese in partita, Rizzoli dice:  Se poi le parole vengono travisate, allora questo non favorisce l’apertura delle comunicazioni”

Infine, riferendosi alle grandi polemiche createsi sulla partita del 2018 tra Inter e Juve dopo le parole di Pecoraro, afferma chiaramente: “Non ho niente da dire se non che Orsato è un arbitro di grandissimo spessore”.

Translate »
error: Contenuto protetto!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: