Morte Rebellin, un camionista tedesco è l’assassino scappato volontariamente

Il responsabile dell’incidente che ha causato la morte dell’ex campione di ciclismo Davide Rebellin, è stato individuato. Si tratterebbe di un camionista tedesco di 50 anni, individuato grazie alla collaborazione tra carabinieri e polizia tedesca. Dopo l’incidente, avvenuto il 30 novembre, l’uomo aveva fatto perdere le sue tracce. E’ stato denunciato a piede libero, ma non posto in stato di fermo, perché il codice tedesco non prevede il reato di omicidio stradale.

Dall’iniziale ricostruzione sembrava che il camionista era del tutto ignaro dell’incidente causato a Rebellin, ed invece dagli accertamenti effettuati, dopo l’investimento sulla rotatoria della regionale 11 era infatti sceso dalla cabina di guida del Tir, si era avvicinato alla vittima a terra, poi era risalito sul camion allontanandosi velocemente. Un fatto riferito ai Carabinieri da testimoni oculari, alcuni dei quali lo avevano anche fotografato. Il 50enne, tra l’altro, è anche recidivo visto che era già stato condannato in Italia, a Foggia, nel 2001, per essere fuggito dopo un incidente senza prestare soccorso alle persone coinvolte.

Articolo a cura di Stefano Ghezzi – Sportpress24.com

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: