Caso Tamponi : 1-0 per la Lazio, ora si torna in FIGC

E’ andato in scena presso il Collegio di garanzia a sezioni unite, presieduto da Franco Frattini, la doppia udienza relativa al caso tamponi per il ricorso presentato dalla Lazio e dal suo presidente, Claudio Lotito, contro la Procura federale della Figc e per quello dei medici del club, Ivo Pulcini e Fabio Rodia.

La sentenza arrivata intorno alle 19 recita che il Collegio di garanzia del Coni ha parzialmente accolto i ricorsi della Lazio, del presidente Claudio Lotito e dei medici sociali Ivo Pulcini e Fabio Rodia contro le squalifiche per il caso di presunte violazioni dei protocolli Covid, rinviando il caso alla Corte di appello federale della Figc che dovrà “effettuare una nuova valutazione della misura della sanzione”.

Poco prima l’avvocato Viglione che rappresenta la Figc, la situazione rimane chiara: “Tutte le condotte di Lotito ci sono e sono rimaste senza risposta. Come possiamo dire che il presidente Lotito non abbia ‘influito’ nelle attivita’? C’è stata influenza: il calcio e la Figc, che non è strabica, sono ripartiti grazie ai protocolli, mentre qui è evidente che le regole non sono state rispettate”.

Per quanto riguarda la Procura generale dello sport, rappresentata dall’avvocato Marco Ieradi il pensiero si allinea cin quello del collega Viglione : “Sul mero dubbio di positività si deve attuare il protocollo a difesa del giocatore e delle persone a lui vicine. La sensazione è che si stia chiedendo la rideterminazione della pena, ma non si può. La salute é primaria, riteniamo che oggi non sia consentito il riesame e quindi la Procura propende per l’infondatezza dei ricorsi”. 

Attraverso una nota ufficiale è stato pubblicato il dispositivo: “Il Collegio di Garanzia, a Sezioni Unite, all’esito della sessione di udienze tenutasi in data odierna e presieduta dal Presidente Frattini, ha assunto le seguenti determinazioni:

Con riferimento al ricorso iscritto al R.G. ricorsi n. 60/2021, presentato, in data 1° giugno 2021,  dai dottori Ivo Pulcini e Fabio Rodia e dalla S.S. Lazio  S.p.a. contro la Procura Federale della Federazione Italiana Giuoco Calcio per la riforma della sentenza della Corte Federale d’Appello della FIGC n. 103/CFA  2020-2021, assunta in data 7 maggio 2020 e comunicata in pari data, con la quale  è stato respinto il reclamo proposto per la riforma della decisione emessa dal Tribunale Federale Nazionale della FIGC in data 26 marzo/6 aprile 2021,  n. 132TFN/SD e, in parziale accoglimento del reclamo proposto dalla Procura Federale, sono state inflitte al dott. Ivo Pulcini la sanzione dell’inibizione per dodici mesi; al dott. Fabio Roda la sanzione dell’inibizione per dodici mesi; alla società S.S. Lazio S.p.A. l’ammenda  pari ad €200.000,00:

HA RESPINTO I MOTIVI DI RICORSO nn. 1, 2 ,3 e 4;

HA ACCOLTO I MOTIVI NN.  5, 6 e 7, NEI LIMITI DI CUI IN MOTIVAZIONE, E, PER L’EFFETTO, HA RINVIATO ALLA CORTE FEDERALE D’APPELLO DELLA FIGC AI FINI DELLA NUOVA VALUTAZIONE DELLA MISURA DELLA SANZIONE.

HA, ALTRESI’, DISPOSTO L’INTEGRALE COMPENSAZIONE DELLE SPESE DEL GIUDIZIO.

Con riferimento al ricorso iscritto al R.G. ricorsi n. 61/2021, presentato, in data 3 giugno 2021, dal dott. Claudio Lotito e dalla S.S. Lazio S.p.A., in persona del suo consigliere delegato, dott. Marco Moschini, contro la Procura Federale della Federazione Italiana Giuoco Calcio e nei confronti del dott. Ivo Pulcini e Fabio Rodia, per la riforma della sentenza della Corte Federale d’Appello della FIGC n. 103/CFA  2020-2021, assunta in data 7 maggio 2021 e comunicata in pari data, con la quale, in parziale accoglimento del reclamo proposto dalla Procura Federale avverso la decisione emessa dal Tribunale Federale Nazionale della FIGC in data 26 marzo/6 aprile 2021,  n. 132TFN/SD, sono state inflitte, al dott. Claudio Lotito, la sanzione dell’inibizione per dodici mesi ed alla società S.S. Lazio S.p.A. l’ammenda  pari ad €200.000,00:

HA RESPINTO IL PRIMO MOTIVO DI RICORSO;

HA ACCOLTO I MOTIVI NN. 2,3,4,5,E 6, NEI LIMITI DICUI IN MOTIVAZIONE, E, PER L’EFFETTO, HA RINVIATO ALLA CORTE FEDERALE D’APPELLO DELLA FIGC AI FINI DELLA NUOVA VALUTAZIONE DELLA MISURA DELLA SANZIONE.

HA, ALTRESI’, DISPOSTO L’INTEGRALE COMPENSAZIONE DELLE SPESE DEL GIUDIZIO“.

Ora tutto sarà da rifare visto che l’ultima parola spetterà alla Corte Federale della FIGC, ma intanto ancora una volta il Presidente Claudio Lotito è riuscito a rispondere per le rime a chiunque lo ha accusato senza avere la fondatezza di alcune azioni.

Articolo a cura di Stefano Ghezzi – Sportpress24.com

 

Translate »
error: Contenuto protetto!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: