Manchester United-Roma 6-2, Fonseca: “Condizionati dagli infortuni. Nella ripresa non siamo esistiti, io il responsabile”

La Roma crolla nel secondo tempo a Manchester e subisce un 6-2 che cancella le speranze di un continuo in Europa League con l’obiettivo Danzica. Queste le parole di Paulo Fonseca nel post partita:

A SKY

Come analizza il terribile secondo tempo? “E’ una sconfitta pesante, penso che abbiamo fatto un buon primo tempo ma nel secondo non siamo esistiti. Siamo stati condizionati, abbiamo perso 3 giocatori e non avevamo cambi. Diawara e Smalling erano in difficoltà, è stata una ripresa pesante e difficile”.

Come spiega il blackout? “E’ difficile da spiegare, siamo entrati senza aggressività, lasciando spazio e sbagliando molto. Dopo il loro terso gol la squadra non ha avuto la forza di reagire. E’ difficile giocare con il Manchester senza poter fare cambi”.

Questa sconfitta cancella il vostro percorso europeo? “E’ positivo arrivare in semifinale e fare questo primo tempo contro lo United, dimostra che la squadra può lottare. Nel secondo tempo abbiamo sbagliato tutto”.

Cosa le è piaciuto meno della ripresa? “Non è stato un problema tattico, avevamo preparato bene la partita e il primo tempo lo dimostra: il Manchester non ha avuto occasioni. La scelta dei giocatori è stata logica, ne abbiamo persi di molto importanti all’inizio e poi nel secondo tempo ci è mancata forza mentale”.

Si poteva chiedere alla squadra di cambiare atteggiamento all’interno della partita e provare a limitare i danni? “Sì, abbiamo provato a compattarci vicino all’area in difesa ma quando avevamo la palla dovevamo attaccare. La nostra è stata una mancata reazione al terzo gol del Manchester, lo ha accusato molto. Non eravamo fuori dai giochi dopo la terza rete, ma la squadra era in difficoltà e non abbiamo reagito. Fisicamente Smalling e Diawara non stavano bene”.

Quali sono le sue responsabilità? “Sono sempre il principale responsabile, non voglio scappare e non sono qui per dare alibi. Il mio rapporto con la Roma? Vediamo, in questo momento è difficile parlarne. Lo faremo, ora dobbiamo essere equilibrati: non è il momento giusto per discuterne”.

Cosa dirà ai giocatori per provare a crederci al ritorno? “E’ difficile, la cosa fondamentale sarà recuperare quanti più giocatori possibile per la prossima partita”.

A ROMA TV

Ci sono rimpianti per il secondo tempo? “E’ difficile da spiegare, alla squadra è successo di tutto: non abbiamo avuto la possibilità di cambiare nella ripresa e giocatori importanti hanno avuto problemi. Non è una scusa, poi non c’era il rigore, penso che pure Solskjaer l’abbia detto, ma il 4-2 ha cambiato tutto. Non abbiamo avuto aggressività e forza mentale per tornare in partita”.

Come si prepara la sfida di ritorno? “E’ difficile, sono molto preoccupato per i giocatori che possiamo avere al ritorno. Diawara e Smalling hanno chiuso la partita con difficoltà. Dobbiamo pensare ai calciatori disponibili per la prossima gara”.

E’ soddisfatto dell’atteggiamento nella prima frazione? “Il primo tempo ha dimostrato che vogliamo giocare. Abbiamo fatto due gol, poi dopo la terza rete la squadra non ha avuto la forza di reagire. Contro una squadra come il Manchester è stato difficile”.

Foto in Copertina dal Web – Articolo a cura di Davide Teta

Translate »
error: Contenuto protetto!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: