F1, Todt : “Schumacher continua a lottare. Mick? Correrà in Formula1”

7 mondiali, 7 come Michael Schumacher. Lewis Hamilton eguaglia il record del tedesco e il suo pianto al termine della corsa, dimostra quanto questo ‘peso’ sia veramente grosso da sopportare. Ci manca tanto Schumacher, non solo come pilota ma come uomo. Saperlo in un letto che non può godersi la crescita dei figli e la Vita che tante soddisfazioni gli ha dato, fa male ; fa male a tutti i tifosi, fa male a tutti quelli che lo hanno visto saltare sul podio dopo una corsa.

In una giornata cosi importante per Hamilton arrivano però, alcuni aggiornamenti sulle condizioni di salute di Michael Schumacher. L’ex pilota tedesco “continua a lottare”, come ha rivelato il presidente della FiaJean Todt, che è tornato a far visita al suo grande amico. A quasi sette anni dal terribile incidente sulle nevi di Meribel, il fenomeno di Kerpen prosegue dunque la sua battaglia per la vita assistito dalla sua famiglia nella sua villa sul lago di Ginevra.

Ormai è chiaro, la famiglia non vuole rivelare le condizioni di Schumi e pochissime sono le persone che hanno accesso alla casa di Schumacher e Todt è fra questi. Poche le parole dell’ex team principal della Ferrari dopo la visita a Schumi: “Possiamo solo augurare a lui e alla sua famiglia che le cose migliorino – ha detto Todt, che poi intervistato dalla radio francese Rtl ha aggiunto – Michael è molto ben curato e comodamente sistemato”. 

Il numero 1 della FIA ha detto poi che seguirà da vicino lo sviluppo di suo figlio Mick Schumacher: “Probabilmente correrà in Formula 1 il prossimo anno, siamo lieti di avere di nuovo uno Schumacher ai massimi livelli delle corse automobilistiche”, ha detto Todt.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: