Juventus, la grande illusione Europea. Vince solo in Italia e non fa più paura a nessuno

Notte fonda per Sarri. Sullo sfondo Zidane, Gasperini e Pochettino. Inzaghi? Resta alla Lazio, la Champions la gioca con i biancocelesti.

9 scudetti di fila. E allora? se non vinci la Champions League sei sempre una ‘squadretta’ che farà numero nella competizione più importante in Europa. Cosi la Juventus saluta l’ennesima coppa dalle grandi orecchie, pur vincendo contro il Lione.

Vince 2-1 contro i francesi vittoriosi all’andata, ma non basta e a passare il turno sono proprio gli uomini di Garcia.

Sarri il più responsabile? No! La società ha le colpe maggiori passando da Nedved fino ad arrivare a Paratici. Una gestione quella di Sarri che ha lasciato dubbi sin dall’inizio. L’ultimo scudetto arrivato a Torino, non è un’attenuante. I bianconeri non hanno mai dimostrato di avere quel polso quest’anno in grado di superare ogni ostacolo.

Hanno perso contro la Lazio nella finale della SuperCoppa Italiana. Escono sconfitti dal campionato 2019/20 ben 7 volte con 5 pareggi. Hanno incassato 43 gol, terzi in classifica dopo Inter e Lazio come miglior difesa. Soprattutto, hanno visto uno scudetto consegnato grazie al Lockdown, vista l’uscita di scena della stessa Lazio di Simone Inzaghi alla ripartenza del Campionato.

Un altro anno che lascia l’amaro in bocca per chi sognava di riportare la Champions in Italia con destinazione il museo presso l‘Allianz Stadium di Torino. 

Nonostante un Cristiano Ronaldo il formissima, nulla si è potuto se vicino al fenomeno portoghese non c’è stato sostegno e sostanza. Calciatori sbagliati come Ramsey, Rabiot, Danilo, Bernardeschi o spompati e cioè PjanicHiguain. Poi ci si mette anche Sarri e la sua spavalderia il quale ha voluto tenere in campo per forza Cuadrado (infortunato) e di inserire Dybala (rotto) a dimostrazione di non avere in mente cosa fare in un momento delicato. La ciliegina sulla torta arriva 13 minuti dopo l’inserimento di Dybala, entra rotto e rotto esce facendo entrare Olivieri (???) vista l’assenza di Douglas Costa. 

Inutile piangersi addosso soprattutto dopo la decisione dall’arbitro tedesco Zwayer nel concedere un rigore ‘inesistente’ al Lione. Bisognava fare di più, e se non ci riesce la Juve chi ci riesce?

Le ombre su Sarri sono tantissime, ma non sarà il solo a pagare l’ennesima delusione Europea. Agnelli dovrà fare i conti contro una dirigenza un po troppo spocchiosa e presuntuosa. Tante richieste che fino adesso hanno portato ‘solo’ l’ennesimo scudetto (forse troppi) e che dimostrerebbe a tutta Europa e non solo, quanto sia modesto il Campionato in Italia.

Si perchè se in Italia la Juventus è imprendibile da 9 anni consecutivi, in Europa è una meteora che ormai non fa paura più a nessuno. 

Cosa deciderà di fare Andrea Agnelli? Da ieri sera sta sfogliando la sua rubrica telefonica e il dito sembrerebbe essersi soffermato sulla ‘P’ di Pochettino e sulla ‘G’ di Gasperini. Un occhio anche a Zidane che anch’esso uscito dalla Champions con il suo Real Madrid, potrebbe approdare a Torino e rivoluzionare l’intero Team. E Simone Inzaghi tanto apprezzato dalla famiglia Agnelli? Il tecnico piacentino vuole fare la Champions con la Lazio dove sta disegnando uno squadrone insieme a Tare per la prossima stagione.

Sarà un agosto caldissimo nel clima gelido della Continassa.

Foto da Web 

 

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: