Sacchi “bacchetta” anche il Milan: “Che non pensino…

Arrigo Sacchi dopo le ultime uscite polemiche sul gioco dell’Inter, alla Gazzetta dello Sport espone il proprio pensiero sul nuovo Milan che ha ben figurato nel primo impegno stagionale in Serie A. La prestazione è stata più che convincente tanto da esaltare fin da subito i nuovi acquisti, giovani in rampa di lancio pronti a competere fino all’ultimo per la conquista dello scudetto.

Ma l’ex allenatore dei rossoneri predica calma: “Che non pensino di essere già arrivati, perché si fa alla svelta a cadere dalle nuvole e ci fa anche male… Bisogna che continuino su questa strada e, anzi, che migliorino perché alcune correzioni, a mio avviso, sono necessarie”

Due dei nuovi acquisti che hanno più impressionato sono stati Pulisic e Reijnders.

Se per il primo, la storia parla per sé avendo già calcato palcoscenici importanti fornendo prestazioni di altissimo livello, per il secondo (nonostante un ottimo precampionato) nella prima giornata ha dimostrato di avere a che fare con un giocatore totale.

SACCHI SU PULISIC

“Pulisic ha fatto un gran bel gol e mi è piaciuto per come si è mosso sulla fascia. Deve imparare ad aiutare di più in fase difensiva. Reijnders mi è sembrato un giocatore dalla testa ai piedi. Ha fatto tutto e lo ha fatto bene. Centrocampista che attacca con i tempi giusti, sa quando è il momento di giocare in profondità o quando, invece, è più corretto fare un passaggio in orizzontale”.

Sul paragone un po’ azzardato con una sua vecchia conoscenza (Frank Rijkaard)

“Eh, non esageriamo con i paragoni. Come Frank ce ne sono stati pochi. Però questo Reijnders m’incuriosisce parecchio e lo seguirò con attenzione. Mi ha colpito perché, appena ricevuta la palla, ha sempre dimostrato di sapere che cosa fare. Ciò significa che ragiona in anticipo, e questo è un vantaggio non da poco”.

Articolo di Jacopo Elia- Sportpress24.com

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: