La conferenza stampa di Mourinho – Le condizioni degli infortunati

Nella vigilia di Roma – Betis il mister giallorosso Jose Mourinho ha rilasciato la solita conferenza stampa che si è svolta a Trigoria.

LE DICHIARAZIONI DI JOSE MOURINHO

Come sta Dybala? Che tipo di difficoltà si aspetta dal Betis?

“Bene, Dybala gioca. La difficoltà è di giocare con una squadra che ha qualità. Giochiamo con una squadra con un grande allenatore, con una filosofia propria e con una identità chiara. Una squadra che ha vinto e non è facile vincere una competizione in Spagna se non sei una delle tre squadre top, con giocatori di esperienza e nazionale. Sarà una partita difficile anche per loro, sarà undici contro undici con 60mila tifosi e speriamo che anche loro faranno un buon lavoro perché la prossima settimana a Siviglia allo stadio Benito Villamarin i loro tifosi giocano un ruolo importante. Io mi fido dei miei undici, dei miei in panchina e mi fido tanto dei nostri 60mila tifosi”.

Domani Zalewski giocherà? Lo vede anche come un giocatore che può stare dietro alle punte?

“Zalewski può fare diversi ruoli. La sua formazione voi la conoscete anche meglio di me e si è trasformato in un giocatore bravo. Gioca in una nazionale di livello alto in questa posizione e lui si sente bene, la squadra si sente a suo agio con le sue caratteristiche. E’ un giocatore importante per noi se sta in panchina o in campo è molto importante per noi”.

Il record di Ferguson è uno stimolo?

“Non è uno stimolo in più. Sono orgoglioso delle 106 vittorie. Se la 107 arriva o domani o la prossima settimana sarò sempre orgoglioso della mia carriera. Io ho sempre detto che questa cosa è per passare il tempo quando finirò la carriera, in cui avrò tante cose da pensare e ricordare. Ora la cosa più importante è vincere la prossima partita che è di livello molto alto ed è domani. Non voglio vincere per superare il record di Sir. Alex. Voglio vincere perché abbiamo bisogno di punti, ne abbiamo solo tre e non bastano”.

Abraham e Belotti possono giocare insieme?

“Giocatori bravi possono giocare insieme, non è mai un problema. E’ per gli allenatori che bisogna trovare il modo di farli giocare insieme. Per dare un altro esempio, all’inizio per tanti di voi come quei fenomeni che parlano alla radio e che non vengono mai qui sembrava impossibile far giocare insieme Zaniolo, Dybala, Pellegrini e Abraham. Purtroppo a casa degli infortuni l’abbiamo fatto poco. Quando però li abbiamo schierati la cosa ha funzionato molto bene. Abraham e Belotti sono due giocatori bravi e noi allenatori dobbiamo trovare il modo giusto per farli giocare insieme. Domani c’è bisogno di una buona Roma e con Belotti e Abraham insieme non è facile. Non voglio dire chi gioca domani. Il questo momento il Betis ha tante soluzioni, con una ricchezza di giocatori e non sappiamo se faranno cambi rispetto alla scorsa partita di campionato. Non so se gioca Iglesias o José, oppure Canales o Fekir e sicuramente il collega non dirà come giocherà. Dico solo quello che ho detto prima. E’ una partita difficile undici contro undici più 60mila”.

Zaniolo segna più in Europa…

“Gli avversari si preoccupano di Zaniolo ed è un giocatore che non è egoista anche se ogni tanto prende decisioni individuali per il suo modo di giocare, di prendere palla e attaccare i difensori, ma non pensa a se stesso. Non è un giocatore che risparmia energia per averla nella fase decisiva della finalizzazione. E’ un giocatore che lavora tanto per la nostra squadra ed è normale che in una stagione non segna 20 gol. Non mi stancherò mai di ripetere che è un giocatore importante per noi e per me se segna di meno o di più non è una situazione drammatica. Se ha segnato più in Europa che in Serie A è perché le squadre hanno un livello superiore di quelle che troviamo in Conference e Europa League. Ovviamente Leicester e Betis sono di livello altissimo, ma sicuramente in Serie A abbiamo partite molto più complicate”.

Quanto è contato vincere contro l’Inter a San Siro?

“I 4 punti che abbiamo preso con Inter e Juventus paragonando all’anno scorso abbiamo perso 4 punti con Atalanta e Udinese che l’anno scorso invece abbiamo preso. In questo quadro non abbiamo perso niente e guadagnato niente. Però è importante arrivare in questi stadi e fare risultato perché è un feeling diverso e ne abbiamo parlato prima della partita. Nella sconfitta contro l’Atalanta abbiamo perso la partita ma siamo usciti superiori. Abbiamo perso ma siamo stati superiori, non abbiamo avuto paura e abbiamo giocato con fiducia. Prima della partita contro l’Inter ho messo sul tavolo questa questione. Possiamo vincere o perdere ma dobbiamo uscire dallo stadio con una sensazione di superiorità, mai con una di inferiorità. I giocatori hanno preso questo con le due mani ed hanno fatto una ottima partita. Sono punti che per noi portano qualcosa in più a questo livello. Mancini è un trascinatore, un giocatore con la voce ed è capace di dire certe frasi nel momento giusto. Sono contentissimo di quello che hanno fatto i ragazzi”.

Come sta Pellegrini? Si soffre di più in panchina o fuori dallo stadio?

“A San Siro ho visto la partita su un Van, mi piaceva sentire il rumore dello stadio, si capiva quando era gol della Roma o dell’Inter. Se si soffre di più sul Van o in panchina? Peggio sul Van. Per Pellegrini vediamo. Qualche volta sapete che sapete più voi di me. Dobbiamo ancora sentire lui. Sa che è una partita fondamentale e io lo conosco bene. Se lui dice no è no, se lui dice sì vuol dire che lui sta bene ed è disponibile. La fiducia è altissima e aspetto lui. Più del dipartimento medico sento lui e la sua parola per me decide tutto”.

Articolo a cura di Lorenzo Viti – Sportoress24.com

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: