Aleksander Ceferin: “Il calcio europeo è più unito che mai”

Il calcio europeo è più forte, più unito che mai e guidato finanziariamente dalla sua nuova versione del fair play finanziario, secondo il presidente UEFA Aleksander Ceferin.

L’avvocato sloveno, eletto al potere dalla federazione europea nel 2016, è intervenuto alla sessione di apertura del congresso annuale dell’AIPS, l’associazione dei giornalisti sportivi internazionali a Roma.

Ceferin, che è quasi certo di resistere incontrastato per la rielezione la prossima primavera, ha dato una svolta positiva nel rispondere a un mix di domande dei delegati. Non che sia stato facile, dopo le vicende degli ultimi anni.

Ha detto: “Viviamo in una crisi costante da quasi tre anni a causa del COVID-19 e di diversi problemi. Abbiamo avuto più crisi in due anni e mezzo di quante ne avesse affrontate la UEFA nei precedenti 60. È stato complicato ma siamo usciti dalla fascia destra.
“La cosa migliore è che quando abbiamo avuto questi momenti critici con il Covid e la cosiddetta Super League, il calcio europeo è rimasto unito e ora è più unito che mai. Abbiamo dimostrato di poter stare insieme quando c’è una crisi”.

La “cosiddetta idea della super lega”, come la chiama Ceferin, si rifiuta di andare via. Nel fine settimana il presidente del Real Madrid Florentino Perez, uno dei ribelli insieme ad Andrea Agnelli della Juventus e Joan Laporta del Barcellona, ​​ha insistito affinché il progetto rimanesse vivo e vegeto.

Ceferin, che crede che siano state sprecate troppe parole sull’argomento controverso, ha spiegato la portata molto più ampia dei progetti UEFA per promuovere la sostenibilità finanziaria nel calcio d’élite europeo.

Ha detto: “Il problema principale nel mondo è la globalizzazione, quindi dal punto di vista [calcio] un club del mio paese è più piccolo di un club italiano, ma anche un’azienda è più piccola a causa delle dimensioni del mercato.

“Le nostre nuove regole di fairplay finanziario stanno cercando di rallentare il divario. Non possiamo essere ingenui, ma il nuovo sistema [che abbiamo lanciato] è buono, lo dimostra il fatto che le leghe che vogliono regole sempre più rigide e i grandi club che le vorrebbero più morbide sono tutti d’accordo.

“Non possiamo avere un tetto salariale come negli Stati Uniti. Il nuovo piano i club possono spendere fino al 70% delle loro entrate per gli stipendi, il che renderà i club sostenibili perché ora ci sono alcuni club che spendono il 100% per gli stipendi, il che significa che non sono sostenibili”.

Un fattore che contribuisce alla costruzione del nuovo mondo della UEFA è l’espansione della Champions League a partire dal 2024.

Ceferin ha dichiarato: “Il nuovo sistema sarà più interessante di prima con quattro squadre in più e con un diverso tipo di sistema. Oggi in un girone, dopo una o due partite sai chi si qualificherà. Con questo nuovo sistema non saprai chi si qualificherà fino quasi alla fine. Come è ora, tutti giocano all’interno di un gruppo. Nel nuovo sistema tutti possono giocare con tutti”.

L’espansione della Champions League farà eco nelle altre due competizioni, compresa la nuova Conference League il cui successo aveva sorpreso i critici.

Ceferin ha dichiarato: “Sono molto soddisfatto della Conference League. Alcuni ragazzi intelligenti ci hanno detto che nessuno non lo guarderà e ora gli stessi ragazzi stanno chiedendo perché non abbiamo le finali negli stadi più grandi per tutti i fan?

In termini di politica internazionale del calcio, Ceferin ha confutato le speculazioni su una spaccatura tra UEFA e FIFA sorta sulla considerazione di breve durata e impopolare di una Coppa del Mondo ogni due anni da parte dell’organo di governo mondiale.

Ceferin ha detto: “L’idea non aveva alcun senso poi alla fine, all’ultimo Congresso FIFA, abbiamo appreso che non era nemmeno l’idea della FIFA ma l’idea dell’Arabia Saudita, invece.

“FIFA e Uefa sono d’accordo nel 95% delle cose. Il cinque per cento è molto interessante per l’opinione pubblica a cui piacciono gli scandali e le risse, ma penso che sia importante proteggere entrambe le nostre organizzazioni e quando non siamo d’accordo non siamo d’accordo. I rapporti tra Uefa e FIFA ora sono migliori di prima perché prima era dura”.

Sia la UEFA che la FIFA terranno le elezioni presidenziali l’anno prossimo. Ceferin non si aspettava che nessun candidato europeo si opponesse al supremo FIFA Gianni Infantino e ha affermato di possedere già 55 lettere di sostegno per la sua permanenza alla guida della UEFA. Era del tutto logico: 55 è il totale dei tesserati UEFA.

La FIFA, durante il probabile nuovo mandato dei due uomini, deciderà l’ospite del centenario della Coppa del Mondo nel 2030. I principali candidati promettono un duello tra l’Europa con un’offerta congiunta di Spagna più Portogallo contro un consorzio sudamericano dell’Uruguay, Argentina , Paraguay e Cile.

Ceferin non ha dubbi sul risultato. Ha detto: “Sono sicuro che vinceremo e dico “noi” perché Spagna e Portogallo sono le nostre federazioni. Ci saranno sviluppi interessanti tra pochi giorni e non vedo l’ora di venire alla loro coppa del mondo.

“Ho sentito che la finale sarà al Santiago Bernabeu, ma va bene così”.

L’Estadio Bernabeu, ovviamente, è la casa del Real Madrid.

Foto AIPS – Articolo a cura di Stefano Ghezzi – Sportpress24.com

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: