Super League greca, il punto sul campionato

Abbiamo avuto diversi anni in Grecia e in Super League, per vedere i proprietari e in generale le squadre spendere molti soldi per rafforzare il loro potenziale sentimentale. O la fine della pandemia (che ovviamente tutti auspichiamo), o qualche cambio di mentalità, ha portato le squadre a spendere fino alla sera di venerdì 2 settembre la cifra di 36.130.000 euro almeno come riportato dallo specialista per tale casi Transfermarkt.

Un importo che ha superato di gran lunga la performance finanziaria dei club greci negli ultimi 14 anni (!). Con la prossima finestra di mercato estiva più costosa quella dell’estate del 2008.

All’epoca erano stati spesi 55,6 milioni di euro per il trasferimento di calciatori come Diogo (9 milioni di euro, metà), Dudu, Djebbour,  Matos e Gilberto Silva!

All’inizio può sembrare strano, ma è piuttosto prevedibile. Delle 14 squadre della categoria, solo 5 hanno dato soldi ai club per acquisire calciatori: Olympiacos, Panathinaikos, PAOK, AEK e Aris!

I restanti nove si sono accontentati di essere liberi o in prestito, senza che questo ovviamente significhi che non si sono mossi sostanzialmente o che non pagheranno grossi contratti ai calciatori che hanno inserito nella loro rosa. 

Una finestra di trasferimento pazzesca – con Marcelo e James

Dei cinque che hanno fatto la parte del leone, appartiene per un’altra stagione al campione di Grecia dell’anno scorso, l’Olympiakos.

In una terribile finestra di mercato, i campioni hanno speso più soldi per ingaggiare grandi calciatori, approfittando della loro costante presenza nelle fasi a gironi europee negli ultimi anni.

In totale, i “biancorossi” hanno speso 16 milioni di euro, con l’acquisizione del centrocampista spagnolo Pep Biel dal Copenaghen che ne è costata la maggior parte. Sei milioni di euro sono stati dati per il calciatore 25enne. Da lì, abbiamo avuto: Aboubakar Kamara (€ 5.000.000), Doron Leidner (€ 2.000.000), Philip Zinkernagel (€ 2.000.000) e Avila Gordon (€ 1.000.000), con il resto dei trasferimenti in prestito (Conrad De La Fuente, Ui -Jo Huang, Josh Bowler, Panagiotis Retsos, Diadie Samasekou) o free agent (Marcelo, Inbom Huang, Sime Vrsaliko, James Rodriguez, Cedric Bakabou).

Un caso a parte è Denis Alijagic, costato 350mila euro ma è considerato un calciatore di serie B.

PAOK pochi e lontani tra…

Il secondo classificato, il PAOK, è al secondo posto e ha stanziato la somma di 5,98 milioni di euro per i trasferimenti. Più cara quella del portiere croato  Dominik Kotarski (2 milioni di euro), con Nikolas Qualiata (1,8 milioni di euro), Caled Narey (1,5 milioni di euro), Joan Sastre (400.000 euro) e Giannis Kargas (280.000 euro). Seguire.

Lo splendido centrocampista portoghese Thiago Dadas è stato acquistato in prestito, mentre Brandon Thomas, Ivan Nasberg, Rafa Soares e Andre Ricardo sono stati acquisiti come free agent.

L’AEK entra con il botto nella sua nuova casa

Segue l’AEK, che entra nella sua nuova casa nella “OPAP Arena-Agia Sofia”, in quanto ha pagato la cifra di 5,8 milioni di euro per l’acquisto di calciatori. Più onerosa è stata l’acquisizione dell’esterno svedese Niklas Eliasson, costato 2.000.000 euro, con l’attivazione dell’opzione dello svizzero Steven Zuber (1.600.000 euro). Seguono Mijat Gacinovic (€1.000.000), Paolo Fernandes (€700.000) e Tom Van Weert (€500.000).

Ovviamente l’Unione ha anche fatto delle ottime mosse libere, con Djibril Sidibe, Domagoi Vida, Jens Jonsson e Arold Mukudi che sono stati acquisiti… eh, mentre Orbelin Pineda è in prestito.

Il Panathinaikos punta alla svolta

Volendo nel secondo anno di Ivan Jovanovic fare un campionato, il vincitore della coppa Panathinaikos ha speso la cifra di 5,15 milioni di euro. Ma la cifra è decisamente un po’ più alta, in quanto non sono stati resi noti i dettagli dell’accordo con il Nice per Alexis Trougier. Da lì, l’acquisto di Andraz Spoar è stato il più costoso, poiché è costato 3,5 milioni di euro.

Un milione è costato il centrocampista difensivo Enis Csokai e 650.000 euro Adam Cerin, con Hordur Magnusson, Bernard, Jonas Toro, Benjamin Verbitz, Christian Ganea e Yuriy Lodingin che si sono uniti come free agent.

Karypide e i sogni folli…

Il proprietario di Ari Theodoros Karipidis ha messo la mano in tasca per un’altra stagione. Ha dato 3,2 milioni allo Sporting Gijon per il centrocampista Manu Garcia. Da lì, l’enfasi è stata posta sui free agent Gervinho, Andre Gray, Bradley Mazikou, Brian Dubeau, Moses Odubayo, Nicholas Nkulu, Marvin Piersman e Pape Sheik. Mentre prendeva in prestito, Peter Etembo, Edwin Rodriguez e Rafael Camacho

I restanti 9 club della Super League 1 sono stati rafforzati esclusivamente con agenti liberi o in prestito. Per quanto riguarda il valore di mercato dei giocatori acquisiti, invece, Volos ha preso calciatori che Transfermarkt valuta complessivamente 10,05 milioni di euro, con Anthony Knockaert , che è stato preso in prestito da Fulham, da due milioni di euro.

Segue OFI, con l’Assane Diousse da un milione di euro e il totale dei giocatori arrivati​​quest’anno a 7.780.000 euro.

Il trio è completato da Ionikos, con il valore di Aias Aosman che raggiunge anche il milione e i giocatori arrivati ​​​​a Nikaiotes per un totale di € 6.480.000.

Certo, verso maggio vedremo quali di questi calciatori hanno ripagato i loro soldi o parte di essi e quanto fossero giustificate le squadre che li hanno acquisiti.

Manos Staramopoulos
Giornalista – Analista di calcio e affari internazionali
Membro del comitato calcistico AIPS e della IFFHS World Statistics Federation
Corrispondente: France Football, A Bola, Discoveryfootball.com, Mundo Deportivo, Sportpress24.com
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: