Il commissario Dalli e il presidente Ceferin hanno parlato alla finale di UEFA Women’s EURO 2022

Nelle discussioni tenutesi alla finale di UEFA Women’s EURO 2022, la Commissaria Europea per l’Uguaglianza Helena Dalli e il Presidente UEFA Aleksander Čeferin hanno elaborato i collegamenti, gli obiettivi e le priorità del quadro dell’Unione per l’Uguaglianza dell’UE e della strategia UEFA Forza attraverso l’Unità 2030.

Come ha dimostrato UEFA Women’s EURO 2022, dove c’è dedizione, passione e lavoro di squadra da parte di tutte le parti interessate, il calcio europeo può essere una potente forza per combattere la discriminazione e promuovere l’uguaglianza, la diversità e l’inclusione. La UEFA e la Commissione europea si sono impegnate a intensificare i loro sforzi congiunti in tal senso, in linea con l’accordo formale di cooperazione CE-UEFA adottato il 9 giugno.

Il commissario Dalli e il presidente Čeferin hanno discusso della promozione di obiettivi europei condivisi su uguaglianza, diversità e inclusione attraverso UEFA EURO 2024 maschile in Germania e UEFA Women’s EURO 2025. Il calcio europeo sosterrà la conferenza dell’Unione per l’uguaglianza della CE nel 2023 coinvolgendo le stelle del calcio e il ruolo modelli per coinvolgere tifosi e cittadini in tutta Europa.

A livello politico, i leader incoraggeranno relazioni di lavoro strutturate a livello nazionale all’interno dell’UE-27, ad esempio sui piani d’azione nazionali contro il razzismo, tra esperti che lavorano su uguaglianza, diversità e inclusione della UEFA e delle federazioni nazionali UEFA e funzionari di Istituzioni dell’UE e autorità pubbliche nazionali.

Il presidente Čeferin ha sottolineato l’importanza di questa partnership dicendo: “Il calcio europeo e l’UE sono una grande squadra e non vedo l’ora di lavorare con il Commissario Dalli per ottenere tutti i progressi importanti. Attraverso questa cooperazione, la CE e la UEFA promuoveranno e rafforzeranno ulteriormente il modello sportivo europeo basato su valori condivisi e obiettivi prioritari nel campo dell’uguaglianza, della diversità e dell’inclusione”.

La Commissaria Ue per la Parità, Helena Dalli, ha aggiunto: “Il calcio è una parte vitale della vita di milioni di persone in Europa. Lo sport non ha solo il potere di abbattere le barriere ma anche di costruire ponti. Insieme alla UEFA, rendiamo chiara la nostra posizione: diciamo no a tutte le forme di discriminazione e odio e, uniti, useremo il calcio per costruire il mondo in cui tutti vogliamo vivere”.

Manos Staramopoulos
Giornalista – Analista di calcio e affari internazionali
Membro del comitato calcistico AIPS e della IFFHS World Statistics Federation
Corrispondente: France Football, A Bola, Discoveryfootball.com, Mundo Deportivo, Sportpress24.com
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: