Calcio femminile, love story tra il Chievo e Francesca Salaorni

Più di una calciatrice, più di un simbolo, più di una 𝗯𝗮𝗻𝗱𝗶𝗲𝗿𝗮. Francesca Salaorni è la nostra 𝘀𝘁𝗼𝗿𝗶𝗮 𝗶𝗻 𝗰𝗮𝗺𝗽𝗼, l’emblema di un percorso che auguriamo a tutte le bambine che sognano e che accogliamo nella nostra società.
“Nata” a soli 8 anni nelle giovanili gialloblù, ha vissuto tutti i momenti più importanti del nostro passato e oggi è un 𝗽𝘂𝗻𝘁𝗼 𝗱𝗶 𝗿𝗶𝗳𝗲𝗿𝗶𝗺𝗲𝗻𝘁𝗼 assoluto per il Chievo Verona Women.
Una 𝘀𝘁𝗼𝗿𝗶𝗮 𝗱’𝗮𝗺𝗼𝗿𝗲 fatta non solo di sentimenti e di scelte importanti, ma anche di numeri significativi.
A un passo dalle 200 presenze con la nostra maglia, ha realizzato 13 gol in carriera, non male per una che di mestiere fa il difensore.
Una naturale predisposizione che ha dimostrato anche in questa stagione, alla fine della quale con 3 gol e 3 assist è risultata la giocatrice del pacchetto arretrato che ha contribuito di più alla fase realizzativa.
Ma Francesca è soprattutto un’𝗶𝗻𝗼𝘀𝘀𝗶𝗱𝗮𝗯𝗶𝗹𝗲 𝗴𝘂𝗲𝗿𝗿𝗶𝗲𝗿𝗮 della retroguardia, una lottatrice che con i suoi tackle, la sua fisicità, la sua abnegazione, mette tutto ciò che ha in ogni partita per difendere la porta gialloblù come se fosse quella di casa sua.
Un vero “𝗖𝘂𝗼𝗿𝗲 𝗠𝗮𝘁𝘁𝗼” su cui il Chievo potrà contare anche nella prossima stagione.

Carriera 

Al Fortitudo Mozzecane fin dalla stagione 2009-2010, Francesca Salaorni debutta in Serie A2, l’allora secondo livello del campionato italiano di calcio femminile, il 13 dicembre 2009, alla 7ª giornata del girone A di campionato, dove all’85’ viene schierata dal tecnico Silvano Marcello al posto di Elisa Scattolini nell’incontro casalingo perso per 4-1 con le avversarie del Mozzanica, formazione che poi si aggiudicherà il torneo. Per tornare sul terreno di gioco deve aspettare il termine della stagione quando il subentrato allenatore Salvatore Zurzolo inizia a darle fiducia schierandola titolare alla 17ª giornata, incontro perso in casa 4-0 con il Cervia, e nelle tre ultime partite del campionato che si conclude al 9 posto e la conseguente salvezza.

Alla sua terza stagione in gialloblu condivide il percorso della sua squadra che, grazie alle 22 vittorie e 4 pareggi, al termine del campionato di Serie A2 2011-2012 chiude il torneo con 70 punti, classificandosi in prima posizione del girone A con 3 punti di vantaggio sulla Fiammamonza e guadagnando così la promozione in Serie A.

Sigla la sua prima rete in campionato l’8 dicembre 2013, all’11ª giornata di Serie B 2013-2014, dove nell’incontro casalingo con l’Azzurra San Bartolomeo al 60′ porta la sua squadra sul parziale di 3-0, partita poi terminata sul 5-1 per le padrone di casa.

Raggiunge le 100 presenze in campionato nel corso della stagione 2017-2018, il 26 novembre 2011, alla 10ª giornata del campionato di Serie B, nell’incontro in cui il Fortitudo Mozzecane si impone in trasferta per 7-0 sulle avversarie del Castelnuovo. Al termine del campionato si trasferisce brevemente all’estero per la sua prima esperienza in un campionato straniero, accordandosi con l’ÍR Reykjavík per giocare in deild kvenna, secondo livello del campionato islandese, fino alla ripresa del rinnovato campionato italiano di Serie B

Fonte il napolionline.com – Articolo a cura di Dario Guglielmi – SportPress24.com

Translate »