Antonio Caliendo nei guai per evasione fiscale e auto riciclaggio

Sono stati sequestrati dalla Guardia di Finanza di Modena,  in collaborazione con le autorità del Principato di Monaco e all’Eurojust, beni immobile per circa sette milioni di euro, al procuratore Antonio Caliendo, residente nella città monegasca, ex presidente del Modena Calcio, fallita nel 2017.

Il procuratore è stato scoperto dopo un’intensa indagine finanziaria, rogatorie internazionali, perquisizioni e sequestri che ha appurato un’articolata struttura societaria, con tanto di prestanome, con lo scopo di compiere reati fiscali e di schermare proventi ricevuti nel Principato di Monaco ed in Lussemburgo.

A Caliendo sono stati contestati maggiori redditi, pari a 13 milioni di euro a fronte dei redditi dichiarati nel periodo 2009-2017 inferiori ai cinquemila euro annui. Gli investigatori hanno quantificato la somma totale evasa ai fini penali pari ad un milione e ottocentomila euro.

Infine è stato contestato all’ex presidente del Modena Calcio anche il reato di auto riciclaggio per un importo pari a cinque milioni di euro, per aver usato i proventi, usando società e conti esteri in altre attività finanziarie e imprenditoriali, anche speculative, nel mondo delle società sportive delle quali curava gli interessi.

Articolo a cura di Massimo Moriggi – Sportpress24.com

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: