Roma-Vitesse 1-1, Mourinho: “Noi qui a giocare, la Lazio a casa a fumare con Sarri”

La Roma ha pareggiato 1-1 in casa contro il Vitesse grazie al gol di Abraham nel recupero, e si è quindi qualificata ai quarti di finale di Conference League vista la vittoria per 0-1 dell’andata. Mourinho ha commentato così il match.

A SKY

L’importante è raggiungere l’obiettivoSi aspetta più qualità da tutti? “Qualcuno va a casa e qualcuno al sorteggio. Noi andremo al sorteggio”.

La squadra è forte nei momenti finali, vuol dire che ha carattere? “Ha delle limitazioni a diversi livelli. Se qualche mese fa dicevano di noi che non avevamo capacità di controllare il risultato come con la Juve o passare da 3-0 a 3-2 a Sofia ora si dice l’opposto. Sappiamo resistere alla pressione, ma è una qualità che non dura per sempre. Ora siamo in un’onda positiva da 10 partite senza sconfitte. L’1-0 era una situazione rischiosa dove qualcuno giocherebbe in modo più accorto e andrebbe ai supplementari per avere più tempo. Noi no. Abbiamo lottato fino alla fine per chiuderla nei 90′. Loro sono stati bravi, c’è la tendenza adire che sono stati scarsi, che non hanno qualità. Non conoscevo il loro allenatore ma è bravissimo. Loro hanno giocato in modo fantastico coi difensori, con Dasa. Sono contento perché siamo passati ma non perché ho usato giocatori che dovranno giocare domenica. La Lazio è seduta a casa a fumare la sigaretta con Sarri. Credito a loro, Letsch è bravo”.

Questa partita andava giocata così?“Abbiamo preparato la partita per vincerla. Non abbiamo pensato al pareggio o a controllare risultato. Fino all0 0-1 di un ragazzo fantastico, la partita mi è sembrata non controllata, ma non hanno creato nulla loro. All’intervallo ho detto che c’erano tre cose da controllare: le palle inattive, la profondità e la seconda palla e l’equilibrio quando perdevamo palla. Non abbiamo fatto bene solo nel terzo ambito. Gli attaccanti hanno perso tutte le palle, a centrocampo uguale. Nelle uscite i terzini hanno sbagliato tanto. Abbiamo sbagliato molto tecnicamente ma la difesa ha giocato bene. Il carattere di giocare una partita al limite, non abbiamo avuto paura. El Shaarawy non faceva il quinto ma l’attaccante. Mi dispiace per loro, ma siamo stati noi a meritare in due partite. Lì è stata durissima e ora pensiamo al derby. Maurizio è a casa a fumare (lo dico con affetto) ma io devo andare a casa e pensare come recuperare i giocatori”

A DAZN

Era una partita non semplice. È soddisfatto della partita di oggi? “Molto soddisfatto di aver passato il turno. Alla fine è importante passare il turno, la storia è piena di situazioni di gol che arrivano all’ultimo minuto, di gente che non merita di vincere ma vince, può cambiare tutto. In una situazione così dove stavamo perdendo 1-0, tanti pensavano ai supplementari ad altri 30′, più spazio per gestire la partita. Noi non abbiamo pensato in questo modo, fino alla fine abbiamo cercato di pareggiare e siamo stati noi a crederci e questo è l’importante”.

È la caratteristica di questa squadra di non mollare?“Quello che mi porto a casa è il sorteggio di domani. Questo era il rischio dell’1-0, perché altrimenti eravamo fuori. Abbiamo avuto il coraggio di riprendere la gara per cercare di segnare. Se mi fai la domanda se mi è piaciuta la qualità del nostro gioco, ti rispondo mi è piaciuta la qualità del nostro gioco difensivo. Non abbiamo avuto problemi, abbiamo difeso bene e abbiamo controllato la partita. Dopo uscire con la palla è un’altra storia i nostri attaccanti non hanno mai fermato una palla, non è stata c’è stata una connessione da dietro, i terzini hanno perso palla in zone pericolose. Però io non dimentico il Vitesse hanno fatto una grande partita”.

È una questione fisica: come ha visto la squadra sotto questo punto di vista? “Una squadra stanca non segna mai all’ultimo minuto. E se adesso si parla di noi che facciamo tanti gol e recuperiamo tanti risultati una squadra stanca non lo fa”.

È uno slancio in più per il derby? “Arriviamo con 9-10 partita senza sconfitte se mi dici che stiamo giocando in maniera incredibile io ti dico no, però per noi con le nostre limitazioni è qualcosa di positivo”.

A ROMA TV+

“Vincere 5-0 o pareggiare non cambi niente. Siamo qualificati. E’ stata una gara difficile e, come dicevo prima agli altri media, loro hanno giocato molto bene e creato problemi. Credito a loro. Io pensavo che potevano fare un gol. Non abbiamo giocato bene con la palla e abbiamo avuto difficoltà tecniche tremende per costruire e uscire. Senza palla abbiamo controllato e non pensavo segnassero. Dopo l’1-0 la situazione era diventata di rischio e si poteva interpretare in due modi: ai supplementari quando c’è più spazio per gestire la gara o rischiare. Noi non abbiamo pensato così e abbiamo preferito rischiare. Abbiamo cambiato un quinto per un terzo attaccante, abbiamo dato gambe fresche alla squdara e nel finale abbiamo trovato NOI il gol del passaggio del turno”.

Oltre i quarti possiamo dire che ci siamo risparmiati trenta minuti in vista di domenica. “Già siamo con 90′ in più di loro che hanno giocato solo lunedì per riposare tutta la settimana. Non mi piacciono gli alibi e non voglio trovare scuse. Affrontiamo la partita domenica e andremo con quello che abbiamo”.

Foto in Copertina da Twitter – Articolo a cura di Davide Teta – SportPress24.com

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: