L’Arabia Saudita in corsa per Qatar 2022. L’Egitto favorito all’Arab Cup

Dopo l’ottima FIFA Arab Cup, i tifosi della regione stanno ora rivolgendo la loro attenzione alla conclusione delle qualificazioni ai Mondiali del 2022 in Qatar e alla Coppa d’Africa in Camerun.

Con l’avvicinarsi della fase finale delle qualificazioni asiatiche, i sauditi sono sul punto di qualificarsi per la seconda Coppa del Mondo consecutiva. In testa al Gruppo B con cinque vittorie e un pareggio, la squadra di coach Herve Renard appare sempre più elegante ed equilibrata e solo un crollo finale può impedirle di prenotare il suo posto in Qatar.

La Coppa d’Arabia di Doha è stata un’occasione per Renard e il suo assistente Laurent Bonadei – che ha guidato la squadra per l’evento – per provare la sua squadra U23. Nonostante sia uscito alla fase a gironi, con un solo pareggio e due sconfitte, il torneo avrà dato al tecnico francese un’idea chiara di quale dei suoi giovani pretendenti potrà essere arruolato in prima squadra per il resto delle qualificazioni e oltre.

Delle nazioni arabe dell’AFC, solo l’Arabia Saudita sembra che arriverà in Qatar 2022 con un posto automatico. Il meglio che tutti gli altri – Libano, Emirati Arabi Uniti, Siria, Iraq e Oman – possono sperare è un posto per gli spareggi.

Nel frattempo, alla Confederazione africana sono garantiti cinque posti in Qatar e le nazioni arabe Algeria, Tunisia, Marocco ed Egitto saranno tutte a caccia quando la fase a gironi si concluderà a marzo.

La squadra egiziana accoglierà con favore il ritorno di Mohamed Salah e di altri giocatori con sede in Europa per il torneo – e le qualificazioni – dopo aver ottenuto un’ottima prestazione per raggiungere le semifinali della Coppa d’Arabia senza di loro.

Nonostante una crudele sconfitta nei tempi di recupero contro la Tunisia, l’allenatore Carlos Queiroz sarà rimasto colpito dalle prestazioni dei suoi giovani giocatori e non vedrà l’ora di aggiungere altre stelle nascenti come Hamdi Fathi, Hussein Faisal, Mohamed Abdel Moneim e Ahmed Abdel Al-Futuh alla sua squadra. Aggiungi uno dei migliori giocatori del mondo a Salah e i fan egiziani possono aspettarsi che il 2022 sarà un anno fondamentale.

L’Algeria non è riuscita a qualificarsi per la Coppa del Mondo 2018, ma ha corretto il torto vincendo la Coppa delle Nazioni Africane 2019 al Cairo. La squadra sembra formidabile e più che pronta per la doppia sfida che li attende.

Finora i Desert Warriors hanno eccelso nelle qualificazioni e hanno vinto il titolo della FIFA Arab Cup in gran parte grazie alla brillantezza dell’attaccante Yacine Brahimi, del portiere Raif Mbolhi e di altre stelle casalinghe. Le qualificazioni alla Coppa d’Africa e alla Coppa del Mondo vedranno senza dubbio artisti del calibro di Riyad Mahrez del Manchester City tornare per rafforzare la classifica.

La Tunisia ha perso la finale della Coppa d’Arabia contro l’Algeria in Qatar, ma ha prodotto uno dei giocatori del torneo in Hannibal Mejbri del Manchester United, che ha rubato il cuore dei suoi connazionali e di tutti gli arabi con le sue prestazioni e il suo aspetto distintivo.

Il giovane dai capelli folti era sia elegante che aggressivo a centrocampo e spera che il suo impatto in questo torneo lo catapulti nella contesa in prima squadra all’Old Trafford insieme a superstar come Cristiano Ronaldo, Bruno Fernandes e Paul Pogba.

Infine c’è il Marocco, che ha brillato nella fase a gironi della Coppa d’Arabia prima di essere eliminato ai rigori dall’Algeria.

Di particolare interesse è il difensore 28enne Badr Benoun, la cui eccellente forma all’Al-Ahly dell’Egitto lo ha reso un ricercato in tutto il Medio Oriente, con il club degli Emirati Al-Ain che ha mostrato un forte interesse nelle ultime settimane.

Oltre a essere un anno di successi per le nazioni arabe a livello internazionale, il 2021 ha visto anche le squadre di club arabi Al-Hilal dell’Arabia Saudita e Al-Ahly dell’Egitto vincere le competizioni della Champions League asiatica e africana.

Incrociamo le dita, il 2022 potrebbe essere proprio l’anno che vedrà cinque nazioni arabe raggiungere per la prima volta la Coppa del Mondo.

Manos Staramopoulos
Giornalista – Analista di calcio e affari internazionali
Membro del comitato calcistico AIPS e della IFFHS World Statistics Federation
Corrispondente: France Football, A Bola, Discoveryfootball.com, Mundo Deportivo, Sportpress24.com
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: