Supercoppa Femminile, trionfo Juventus : 2-1 al Milan in rimonta

Questo pomeriggio a Frosinone si è giocata la finale della Supercoppa italiana femminile tra la Juventus e l’A.c. Milan. Le rossonere giocano meglio la prima frazione, Lenzini salva sul tiro di Guagni e Peyraud-Magnin con l’aiuto di Sara Gama salvano su Thomas.

Il vantaggio arriva con il colpo di testa di Grimshaw con la deviazione di Pederson a spiazzare il portiere transalpino. Nella ripresa arriva il pari delle bianconere, spunto di Bonansea e deviazione nella porta di Giuliani di Bergamaschi.

La gara resta incerta, sfortunato il Milan con la traversa proprio di Bergamaschi. Il match è un botta e risposta, fino alla rete della Juventus con Girelli al minuto 89 che impatta al meglio la sfera e batte l’ex Giuliani.

Un successo che conferma davvero la marcia della compagine di Montemurro, mentre l’A.c. Milan ha giocato alla pari, ma punita dai colpi individuali delle avversarie.

Juventus – Milan 2-1 – Stadio “Benito Stirpe” – Viale Olimpia – Frosinone

Marcatori: 46’ pt Grimshaw (M), 4’ st Bergamaschi Aut. (J), 43’ st Girelli (J)

Juventus: Peyraud-Magnin, Boattin, Lenzini, Gama (Cap.), Lundorf, Pedersen (46’ st Zamanian), Rosucci, Caruso (36’ st Staskova), Bonansea, Hurtig (28’ st Cernoia), Girelli. A disposizione: Aprile, Hyyrynen, Nilden, Grosso, Pfattner, Panzeri. Allenatore: Joseph Adrian Montemurro.

Milan: Giuliani, Codina, Fusetti, Agard, Bergamaschi (Cap.), Adami, Grimshaw (38’ st Arnadottir), Tucceri Cimini, Guagni, Piemonte (28’ st Longo), Thomas. A disposizione: Fedele, Babb, Andersen, Selimhodzic, Premoli, Miotto, Dal Brun. Allenatore: Maurizio Ganz.

Ammonite: 31’ st Giuliani (M).

Espulse: 8’ st Codina (M) per doppia ammonizione.

Arbitro: Maria Sole Ferrieri Caputi di Livorno (Assistenti: Francesca Di Monte di Chieti, Veronica Martinelli di Seregno – Quarto ufficiale: Deborah Bianchi di Prato).

Fonte ilnapolionline.com – Articolo a cura di Roberto Martin – Sportpress24.com

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: