Zinedine Zidane si avvicina a Parigi

L’autorevole quotidiano della capitale “Parisien” continua a scrivere che l’amministrazione del Paris Saint-Germain è in costante contatto con Zinedine Zidane affinché quest’ultimo ne assuma la guida tecnica. La recente sconfitta per 2-1 del Paris contro il Manchester City nella quinta partita di Champions League ha creato un nuovo fermento nel club.

In effetti, le critiche ricevute dal Paris Saint-Germain sono considerate del tutto giustificate. Come ha scritto di recente il quotidiano spagnolo “Marca”, “le grandi squadre vincono la Champions League e il Paris Saint-Germain, no”.

L’opinione di Thierry Henry era simile, dove il capocannoniere di tutti i tempi nella squadra nazionale francese, ha dichiarato:

“Se vuoi vincere la Champions non puoi difendere con solo 7 giocatori. Non puoi, chiunque tu sia. Le spalle laterali sono scoperte, quindi ogni volta sono tre contro uno o tre contro due. Le squadre vincitrici del titolo hanno i loro attaccanti da difendere. Questo rende i lati più comodi. Ma ora sono troppo esposti”.

Così, mentre la dirigenza della squadra francese attraverso il suo direttore sportivo, Leonardo afferma che “non si tratta di un allenatore. Pochettino è il nostro allenatore.’ La maggior parte ora considera l’accordo del Paris Saint-Germain con Zinedine Zidane per assumere la guida tecnica del club parigino. Infatti, il fratello dell’emiro del Qatar e proprietario del club parigino attraverso i social ha annunciato la finalizzazione dell’accordo tra le due parti.

Quindi le due parti avrebbero raggiunto un accordo e restano le formalità del caso, con le firme e l’annuncio ufficiale.

Lo sceicco Tani bin Hamad Khalifa Al-Thani, che aveva anche rivelato il trasferimento di Lionel Messi ai parigini, è stato colui che ha scritto nel suo resoconto dell’accordo.

Nel frattempo, la scorsa estate, quando Lionel Messi ha firmato per il Paris Saint-Germain e il soggiorno di Kyllian Mbappe è stato finalizzato, anche fino alla scadenza del suo contratto nell’estate del 2022, tutti nella squadra francese credevano che l’argentino, il francese e il Neymar sarebbero stati una tripla di incredibile produzione di gol, che incuterebbe soggezione e timore in qualsiasi difesa avversaria.

Tuttavia, pochi mesi dopo, le cose non sono andate come si aspettavano gli amici di Parigi, ma soprattutto l’amministrazione. Il brasiliano Neymar è rimasto “vuoto” in Champions League, mentre nel campionato francese ha segnato tre gol in 9 partite. Lionel Messi ha segnato solo 1 gol in campionato 3 in Champions League. Solo il 23enne Kyllian Mbappe ha segnato 7 volte in 13 partite di Ligue 1 e due volte in 5 partite di Champions League.

In totale, il Paris Saint-Germain ha “preso” 16 gol ai primi tre giocatori, un rapporto che è considerato, nella migliore delle ipotesi, mediocre, vista la loro qualità. Oltre alla scarsa produttività, i tre famosi attaccanti non aiutano affatto nella funzione difensiva della squadra francese. E le cose hanno iniziato a complicarsi…

Manos Staramopoulos
Giornalista – Analista di calcio e affari internazionali
Membro del comitato calcistico AIPS e della IFFHS World Statistics Federation
Corrispondente: France Football, A Bola, Discoveryfootball. com, Mundo Deportivo, Sportpress24.com
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: