Le strategie Green FIFA World Cup™ evidenziate durante la Qatar Sustainability Week

Il Supreme Committee for Delivery & Legacy (SC) ha avuto un ruolo di primo piano nella sesta edizione della Qatar Sustainability Week, una campagna nazionale organizzata dal Qatar Green Building Council (QGBC) che mira a coinvolgere il pubblico attraverso una serie di workshop, attività e mostre .

Gli eventi si sono svolti in tutto il paese dal 23 ottobre al 1 novembre e hanno visto una serie di parti interessate chiave che hanno mostrato gli sforzi compiuti da diversi settori nel fornire il supporto, il coordinamento e la consulenza di esperti necessari per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile del Qatar.

I rappresentanti della SC hanno discusso dell’impegno del Qatar nell’ospitare la prima Coppa del Mondo FIFA a emissioni zero, insieme ad altri temi del torneo, tra cui l’ospitalità verde e il merchandising sostenibile.

“La sensibilizzazione è una parte fondamentale dei nostri sforzi per la sostenibilità”, ha affermato l’ingegnere Bodour Al Meer, direttore della sostenibilità di SC. “Lavorando nella comunità, siamo in grado di condividere i nostri piani con il nostro stakeholder più importante: il pubblico in generale. In definitiva, sarà il loro coinvolgimento a livello sociale che garantirà al Qatar 2022 l’impatto duraturo che desideriamo».

La SC ha ospitato una serie di workshop su hotel ed eventi ecologici. Con oltre 1 milione di visitatori attesi durante il torneo, l’SC ha lavorato a stretto contatto con la FIFA e il QGBC per promuovere pratiche ecologiche nel settore degli alloggi locali.

“Lavorare a stretto contatto con i nostri partner nel settore alberghiero ci aiuterà a mantenere la nostra promessa di ospitare un torneo a emissioni zero e a stabilire un punto di riferimento per i futuri mega-eventi”, ha affermato Al Meer.

La SC ha anche delineato le sue pratiche di costruzione sostenibile durante l’evento, incluso l’impegno che tutti gli stadi ottengano la certificazione dal Global Sustainability Assessment System (GSAS), il primo sistema basato sulle prestazioni nella regione del Medio Oriente sviluppato per la valutazione di edifici e infrastrutture verdi. Le certificazioni GSAS includono progettazione e costruzione, gestione della costruzione e operazioni. Ogni stadio del Qatar 2022 è sulla buona strada per ottenere una suite completa di certificati GSAS.

Orjan Lundberg, esperto di sostenibilità di SC, ha dichiarato: “Essere in grado di implementare le più alte misure di sostenibilità in un vasto ambiente costruito per un torneo delle dimensioni della Coppa del Mondo è notevole. Non solo ci assicura di essere in grado di ridurre al minimo l’impronta di carbonio del Qatar 2022, ma stiamo anche cambiando efficacemente il modo in cui i tornei saranno organizzati in futuro, rafforzando la fiducia che la sostenibilità è scalabile e realizzabile, non importa quanto grande sia l’evento.

Un altro tema chiave delineato dal comitato di vigilanza è la neutralità plastica. L’SC ha recentemente annunciato la sua ambizione di offrire un torneo privo di plastica, con gli organizzatori del torneo che si impegnano in piani di riduzione dei rifiuti di plastica e compensano la plastica utilizzata nel torneo rimuovendo i rifiuti di plastica dai fiumi e dagli oceani.

Questo progetto è stato discusso durante un seminario online a cui ha partecipato il Dr. Talar Sahsuvaroglu, esperto di sostenibilità di SC.

“La neutralità di plastica è uno dei tanti modi in cui stiamo assicurando che la Coppa del Mondo sia un torneo verde. Con i rifiuti di plastica che rappresentano una minaccia così grave per l’avifauna marina e per la salute umana, questa iniziativa è estremamente importante e volevamo coinvolgere il pubblico attraverso la sensibilizzazione”, ha affermato Sahsuvaroglu.

Con la FIFA Arab Cup 2021™ a poche settimane di distanza, le caratteristiche di sostenibilità del torneo sono state discusse durante un discorso di Jose Retana, Senior Sustainability Manager della FIFA World Cup Qatar 2022 LLC.

“Come evento di prova finale prima del Qatar 2022, la Coppa araba ci offre un’importante opportunità per testare molti degli elementi operativi per realizzare un torneo sostenibile”, ha affermato Retana.

La FIFA Arab Cup™ avrà disposizioni per il monitoraggio della qualità dell’aria e un ampio programma di riciclaggio per il torneo che prenderà il via in Qatar il 30 novembre.

Manos Staramopoulos
Giornalista – Analista di calcio e affari internazionali
Membro del comitato calcistico AIPS e della IFFHS World Statistics Federation
Corrispondente: France Football, A Bola, Discoveryfootball.com, Mundo Deportivo, Sportpress24.com
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: