Qatar 2022, grande festa dei tifosi per la Serbia ai Mondiali

La nazionale serba all’aeroporto di Belgrado “Nikola Tesla”, dal Portogallo, Lisbona 2:1 e nell’ultima partita delle qualificazioni, si è assicurata un piazzamento diretto ai Mondiali.

Tutto è in ordine, l’atmosfera è fantastica, tutto ciò che è stato fatto è meritato. “La Serbia ha il diritto di festeggiare”, ha detto Stojkovic ai giornalisti all’aeroporto di Belgrado.

 “Non credo che ci siano limiti per quanto riguarda i giocatori. Hanno ancora un brillante futuro davanti a loro”, ha detto l’allenatore.

 L’autore del gol della vittoria al 90′, Aleksandar Mitrović, ha detto che la squadra festeggerà un grande successo e che non sta ancora pensando ai rivali ai Mondiali.

 Alla domanda su cosa abbia indotto la squadra a passare al calcio offensivo, Mitrovic ha risposto: “Selettore”.

 “Ha portato nuova energia, qualcosa di nuovo, qualcosa che non avevamo. Grandi, grandi meriti. Ha tirato fuori il meglio da ogni giocatore, ha fatto una squadra, ha fatto una squadra. Ci dà la motivazione per spingere e abbassare i nuovi successi ,” Egli ha detto.

 Aleksandar Mitrovic ha dichiarato di essere stato riscattato per il rigore sbagliato nella partita contro la Scozia, per i play off delle qualificazioni agli Europei.

Il giocatore serbo ha mandato la nazionale del suo Paese in Qatar, con il gol segnato nella partita contro il Portogallo (2-1).

Ha sottolineato in modo caratteristico: “Ho rimborsato la penalità persa con gli interessi. Quando lavori sodo, è una questione di tempo prima di ricevere la tua ricompensa. C’è un’atmosfera meravigliosa, la migliore che posso ricordare e sono qui da molto tempo. Non ho parole per descrivere come mi sento. “Il nostro allenatore ci ha detto che siamo capaci di fare miracoli”.

Il capitano Dušan Tadić ha anche affermato che il selezionatore è stata la chiave del successo.

 “Certo, lo staff professionale, le persone intorno a lui, è un vero piacere vedere ex giocatori nello staff. Significa molto, puoi vedere l’influenza dell’allenatore. Non importa quando giochiamo, vogliamo vincere e dominare tutti: “Pensavamo troppo agli altri e non a noi stessi. Adesso pensiamo a noi stessi. Non ci interessa chi sta dalla parte avversaria, per questo è caduta una grande squadra”, ha detto.

Ma anche il famoso tennista Novak Djokovic ha festeggiato con l’anima la qualificazione della Serbia.

Il tennista serbo è impazzito nel gol di Aleksandar Mitrovic, con il quale la Serbia ha battuto 2-1 il Portogallo e l’ha mandato alle qualificazioni. Dalla sua gioia ha ballato e cantato come un bambino piccolo.

Manos Staramopoulos
Giornalista – Analista di calcio e affari internazionali
Membro del comitato calcistico AIPS e della IFFHS World Statistics Federation
Corrispondente: France Football, A Bola, Discoveryfootball.com, Mundo Deportivo, Sportpress24.com
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: