Il corridore greco Costas Gelaouzos ha vinto la 38a Maratona di Atene

Il 31enne Greco Costas Gelaouzos ha ottenuto uno storico primo posto nella 38a Authentic Athens Marathon, organizzata da SEGAS con la Regione dell’Attica con il supporto di EOE e dei Comuni di Atene e Marathon e uno dei principali sponsor di OPAP SA.

L’inizio della gara è vicino al campo di battaglia dove gli ateniesi e i loro alleati sconfissero un esercito persiano molto più grande nel 490 a.C. La leggenda narra che un messaggero che corse ad Atene per annunciare la vittoria morì all’arrivo.

Con un tempo di 2:16.49 l’atleta del Panathinaikos è diventato il greco più veloce del percorso originale. Secondo con il tempo di 2.22.33 è stato Panagiotis Bourikas (Messiniakos) e terzo Charalambos Pitsolis (GAS Ilissos) con 2.24.05.

Gelaouzos con la sua prestazione ha battuto il record della pista detenuto da Nikos Polias dai Giochi Olimpici del 2004 con 2:17.56, confermando per tutta la gara il titolo di favorito che aveva e finendo primo per la 4° volta in carriera.

Gelaouzos, 31 anni, era arrivato terzo nel 2019. Questa volta ha stabilito un record personale per questa particolare gara, in cui i tempi sono rallentati dall’impegnativo percorso collinare.

Il record del percorso, 2:10:34, è detenuto dal keniano Felix Kipchirchir Kandie, stabilito nel 2014. I corridori keniani hanno vinto la gara 16 volte dal 2001.

Ora, il campione del Panathinaikos sta concentrando il suo interesse sul limite per l’Europeo di Monaco, che inseguirà all’inizio del prossimo anno. Il 26 dicembre correrà nella 10km. a Parigi.

La greca più veloce è stata Gloria Privileggio (Glyfada GS) con 2.41.30, segnando la sua prima vittoria sul percorso Authentic. La medaglia d’argento è stata vinta da Katerina Asimakopoulou di AO Mykonos con 2.48.12, mentre terza è stata Vasiliki Konstantinopoulou (SAPK Neapolis) con 2.51.32.

Il protagonista assoluto della 38° Maratona Autentica è stato senza dubbio Costas Gelaouzos, che è riuscito a raggiungere il suo grande obiettivo e a finire in 2.16.49, cosa che nessun altro greco ha mai raggiunto in questo particolare percorso.

Ha anche migliorato il record dell’evento, che era 2.18.38, ma anche il record di un greco nel percorso classico, che era 2.17.56 e che apparteneva a Nikos Polias dei Giochi Olimpici di Atene, nel 2004. Quest’ultimo, infatti, è stato il primo a correre per congratularsi con Gelauzo, mentre il pubblico ha adorato il vincitore dagli spalti del Kallimarmaro.

Nelle dichiarazioni rilasciate da Gelauzos dopo la partita, ha affermato: “Ho superato velocemente la prima metà del percorso e poi sono rimasto forte e ho creduto nella vittoria. Sono contento di aver offerto questo disco alle persone sia in pista che in questa fase. Mi ha motivato.

Dedico la mia vittoria al mio compagno atleta Panagiotis Karaiskos che qualche giorno fa si è ammalato di coronavirus. Dobbiamo prenderci cura non solo di noi stessi, ma anche dei nostri simili perché a volte si possono avere sogni che non si avverano. Ci auguro tempo per stare insieme. Ogni arrivo è un nuovo inizio per me, voglio vedere i miei errori per alzare ancora di più il livello. Voglio che la maratona sia alta”.

Eccezionale anche Panagiotis Bourikas di Messiniakos, che ha battuto il suo record individuale chiudendo a 2.22.33 (aveva 2.41.19), mentre Charalambos Pitsolis (GAS Ilissos) si è superato con 2.24.05.

Panagiotis Bourikas ha commentato: “Sono molto felice di essere sul podio per la prima volta. Le persone mi hanno dato l’energia per ottenere una buona prestazione. Nel 2019 avevo un tempo di 2:41:19 nel 2019 e la prestazione di oggi mi dà forza per il proseguimento”.

Il terzo della gara, Charalambos Pitsolis, ha sottolineato: “Sono molto contento della gara. Aveva buone condizioni meteorologiche e tempi passati. Ho abbassato molto il mio record personale e sono molto felice, le persone ci hanno aiutato molto.

“Il mio prossimo obiettivo è correre una maratona all’estero in primavera per migliorare il mio record individuale e poi correre nel campionato panellenico di mezza maratona”.

Manos Staramopoulos
Giornalista – Analista di calcio e affari internazionali
Membro del comitato calcistico AIPS e della IFFHS World Statistics Federation
Corrispondente: France Football, A Bola, Discoveryfootball.com, Mundo Deportivo, Sportpress24.com
Translate »
error: Contenuto protetto!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: