Calcio Mondiale, quattordici Derby mozzafiato

A prescindere dal punteggio e dalla situazione degli avversari, il derby tra Olympiakos e Panathinaikos ruba sempre l’interesse dei tifosi greci. Tutti vogliono guardare la partita più importante, tra le due squadre indubbiamente più importanti del paese. La loro differenza può spesso essere significativa in termini di posizione in gol, ma all’interno del campo ci sono momenti in cui tutto viene capovolto.

Certo, l’etimologia del termine derby, data dagli inglesi, si riferisce a partite tra squadre della stessa città, negli anni… si è ampliata e differenziata.

Quindi adesso queste sono partite che vanno oltre i limiti del campo, “rimandano” alla politica, all’economia e anche alla religione, rendendole parte a sé stante della storia del calcio.

Dal Superclasico dell’Argentina al Clasico della Spagna, questa è la lista dei derby più caldi del mondo:

BOCA JUNIORS -RIVER PLATE  : La “Mecca” del derby, partita che secondo molti dovrebbe essere vista da un tifoso prima di partire per il “viaggio eterno”. È “nato” a Boca, una zona di Buenos Aires, dove hanno sede le due squadre. Gli immigrati genovesi crearono il Boca, il fiume fondato dagli inglesi, che negli anni prese il soprannome di “milionari”, data la sua ottima situazione finanziaria, dopo le concessioni di Di Stefano e Sivori. Questo denaro l’ha aiutata a trasferirsi nei quartieri più ricchi della città, lasciando Boca. Nel primo derby due morti. Settantuno feriti nei gravi episodi del ’68 al Monumental. Una rivalità che non è mai diminuita nel corso degli anni.

BARCELLONA-REAL: Una rivalità che risale al passato, “oltrepassa” i confini del campo, tocca la politica, la società e l’economia. Il Real è la squadra del dittatore Franco, gli spalti di Barcellona facevano parte della resistenza. Il Real Madrid nella sua divisa tutta bianca rappresenta ancora una Spagna unita e indivisibile, il Barcellona esibisce con orgoglio la bandiera catalana sulla sua maglia come simbolo della lotta in corso per la creazione di uno stato indipendente. La capitale Madrid è di fronte a Barcellona, ​​​​la capitale della Catalogna, che cerca la sua indipendenza.

CELTIC-RANGERS: All’Old Firm il calcio incontra la politica e la religione. Cattolici celtici da un lato, protestanti Rangers dall’altro. Nessun calciatore era passato da una parte all’altra fino a quando Mo Johnston non lo fece nel 1989, andando ai Rangers.

PARTIZAN-STAR ROSSA: “Večiti derbi”, l’eterno derby, tra i due club con più titoli in Serbia. Belgrado è divisa in due, gli “impresari” da un lato, come li chiamano i tifosi del Partizan, e i “giovani coraggiosi” dall’altro, come dicono gli amici della Stella Rossa. C’è molta rivalità, anche a causa della politica. Il Partizan era un’espressione del Ministero della Difesa serbo, la Stella Rossa del Ministero degli Interni. Nel 2000, a 38” dall’inizio, iniziarono i violenti scontri sugli spalti, la partita fu interrotta prima del compimento del suo primo minuto.

GALATASARAY-FENERBAHCE : a Istanbul basta un ponte per dividerla a metà: Asia ed Europa, ma soprattutto Galatasaray e Fenerbahce. Da un lato del ponte c’è il Galatasaray, la ricca Istanbul, la regione dell’Occidente. Dall’altro il Fenerbahce, lo spirito d’Oriente che ha la City. Lo chiamano il Kitalar Arasi Derbi, un derby intercontinentale.

LIVERPOOL  – MAN UNITED : Liverpool e Manchester United sono le squadre inglesi di maggior successo, ma la loro opposizione non si limita a questo. Nel luogo in cui è nata la definizione di “derby”, Liverpool – Manchester United non ha mai perso il suo fascino, a prescindere dalla forma delle due squadre. Né la loro passione e rivalità, ovviamente.

SIVIGLIA-BETIS: Una città, due colori: rosso da una parte, verde dall’altra. In Spagna si dice che il derby di Siviglia non abbia eguali, superando anche il Clasico. Al punto che è inconcepibile che un giocatore si muova da una parte all’altra della città.

OLYMPIAKOS-PANATHINAIKOS: Il derby top del campionato greco. Le due squadre con più storia e più tifosi si affrontano e i loro duelli sono sempre un evento speciale.

FLUMINENSE-FLAMENGO : È il famoso Fla-Flu, o Clássico das Multidões, il più grande derby del Brasile, con un record imbattibile: 194.603 spettatori il 12 dicembre 1963 al Maracanà. Il Flamengo nasce dall’apostasia di alcuni giocatori del Fluminense, che nel 1911 introdussero un nuovo centro sportivo a Rio, ma che non aveva uno stadio di calcio. Da allora, nulla è stato sufficiente per ridurre la rivalità.

MILAN—INTER : Derby locale, con dimensioni che vanno oltre gli stretti confini del Milan. “Rossoneri” e “Nerazzuri” condividono lo stesso stadio, anche con un nome diverso. Le origini sono diverse, le marce convergono, la vittoria è fine a se stessa. Milan e Inter vivono e respirano per il “Derby della Madonina”

SPARTAK MOSCA – CSKA MOSCA: Il “gruppo di persone” e il “militare” vivono sotto lo stesso cielo, quello di Mosca. La capitale russa, però, ha spazio solo per uno dei due. Spartak e CSKA è il derby più grande del Paese, ma la sua fama va oltre i suoi confini.

WEST HAM-MILLWALL: A Londra più di ogni altra partita spicca il derby West-Millwall, due squadre con sede in zone limitrofe e storicamente associate a società di ferramenta e cantieristica concorrenti. Lo sciopero generale del 1926, ma anche quelli del 1946 e del 1949, approfondirono l’inimicizia tra i due campi.

ESTEGLAL-PERSEPOLIS: Il popolo di Teheran… diviso, tra Esteghlal e Persepolis. Un appuntamento al ballo società e politica. È la squadra dello scià, una delle più ricche, contro una di quelle provenienti dagli strati inferiori. Più di 100.000 spettatori sugli spalti.

AL AHLI-ZAMALEK: Nell’Egitto del calcio da una parte c’è il proletariato, dall’altra la borghesia. Due club con più titoli del Paese, diviso anche dalla politica. “Aquile” contro gli “arcieri”, “rossi e neri” contro “rossi e bianchi”.

LAZIO-ROMA : Il Derby più caldo d’Italia il quale merita il miglior spettacolo di pubblico di tutto il mondo.

Manos Staramopoulos
Giornalista – Analista di calcio e affari internazionali
Membro del comitato calcistico AIPS e della IFFHS World Statistics Federation
Corrispondente: France Football, A Bola, Discoveryfootball.com, Mundo Deportivo, Sportpress24.com
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: