Europa League, Le Pagelle di Lazio-Lokomotiv : Effetto Derby, servito!

Il Derby è la motivazione per fare bene nell’impegno di Europa League. Partita con molti spazi grazie ad un avversario non proprio cattivo in mezzo al campo. Una Lazio sull’onda dell’entusiasmo, nonostante il turnover, fa un bel gioco, veloce e convincente. Locomotiv da rivedere, soffre la pressione biancoceleste e il gioco non impensierisce mai.

LE PAGELLE DI LAZIO – LOKOMOTIV MOSCA 2-0 : 13° Basic (L) – 38° Patric (L)

STRAKOSHA 6,5 : Il Galatasaray è un capitolo chiuso e Sarri gli da fiducia. Bravo al 27° a ribattere da 2 metri sull’attaccante Russo. Gestisce bene i movimenti dei suoi li davanti. Uscite concrete. Qualche pecca ancora sui lanci lunghi.

LAZZARI 6,5 : Ha molti spazi e riesce nelle collaborazioni con Felipe. Quando si accentra nessuno lo ferma, ma pecca un po di egoismo. Tanto sacrificio perchè cercato sempre, i compagni si fidano. 74° MARUSIC 6 : Il suo gioco continua sulla falsa riga di Lazzari, ma agevola di più i movimenti di Basic.

PATRIC 7,5 : Si da tanto da fare il ragazzo e quando sale non ha paura di provarci. Prova 3 volte ad impensierire il portiere Russo e alla fine riesce a segnare un gol di ginocchio. Bravo a farsi trovare al posto giusto nel momento giusto. Non esagera nelle giocate, legge molto bene i movimenti degli avversari. Partita di livello.

ACERBI 6,5 : In occasione del gol di Patric, gli spizza la palla tanto basta per farla buttare in rete dal collega di reparto.E’ padrone del reparto grazie anche alla giornata positiva di Patric.

HYSAJ 6 : Ha più libertà rispetto a domenica scorsa nel Derby. Quando ha palla cerca di prendere velocità saltando anche l’uomo. Uno scontro limita la sua velocità, ma non demorde.

LUIS ALBERTO 6 : E’ il ‘Mago’ a provarci al 9°, deviato per un soffio il suo tiro da fuori area. Manca di forza su alcuni passaggi lunghi anche se intelligenti. 59° MILINKOVIC 6,5 : La sua entrata da una sterzata di velocità incredibile. si abbassa la difesa e sale il centrocampo a supporto dell’attacco. Arriva fin davanti al portiere, ma manda in alto. Giocate di classe.

CATALDI 6,5 : Regia intelligente la sua, non sbaglia nulla. Buona anche la sua difesa davanti a Strakosha. Cerca di mantenere la squadra alta. 59° LEIVA 6 : Con l’uscita di Cataldi, la regia si abbassa leggermente compensata dalla velocità di Milinkovic. Non sbaglia nulla dando supporto anche in difesa con un’ottima copertura.

BASIC 7 : La sua prima partita da titolare segna un gol incredibile di testa dopo un’azione di tigna di Anderson e l’assist del solito Pedro. Pressa molto bene e ha libertà di movimento in mezzo al campo. Cala d’intensità lasciando più spazio a Luis Alberto. Con l’entrata di Marusic si rivede in avanti a supporto anche di Milinkovic.

PEDRO 6,5 : Doveva riposare, ma Sarri gli fa fare gli straordinari. Il suo assist al 13° per Basic è un gioiello per chiunque ama il calcio. Instancabile sui lanci lunghi, cerca di recuperare ogni pallone. La traversa presa al 64° ancora trema. 74° RAUL MORO 6 : Veloce e con tanta voglia. Bravo Sarri a fagli fare minuti.

ANDERSON 7,5 : Subito una corsa e un tunnel all’avversario e subito dopo da vero fuoriclasse rapina un pallone velenoso in area e da il via all’azione che porta il gol di Basic con l’assist di Pedro. Lo stesso Pedro gli regala un assist che sfrutta al massimo, deviato in angolo dal portiere. Spinge su tutte le posizione del campo. Tunnel, velocità e serpentine, un piacere vederlo giocare.

IMMOBILE 6 : La sua mezza rovesciata al 14° meritava ben altro destino. Non molla mai e si fa subito vedere al 19°, ma deviata in angolo. Si infortuna prima della fine del PT, esce toccandosi il ginocchio. 38° MURIQI 6 : Entra a freddo e prova subito a farsi largo nell’area avversaria. I compagni lo cercano, molte volte è vittima della sua stessa forza non riuscendo a controllare i palloni che riceve. La sua visione di gioco con i compagni vicini, è buona.

ALL. SARRI 7 : Sembra aver trovato la quadra del gruppo anche con il turnover. Nonostante i cambi fatti rispetto al Derby, il mister biancoceleste prepara bene la partita dando velocità sulle fasce e affidandosi al gioco di Pedro e Anderson. Ancora non brillantissimo Luis Alberto, un po troppo ingolfato e con un gioco lento. Vittoria che convince contro il Lokomotiv e soprattutto fondamentale visto anche il risultato di Marsiglia.

LOKOMOTIV MOSCA (4-4-2): Guilherme 5,5; Zhivoglyadov 6, Barinov 5, Pablo 5, Rybchisnkii 5,5; Zhemaletdinov 5,5 (82′ Lisakovich sv), Maradishvili 6 (73′ Kerk 5,5), Kulikov 6, Beka Beka 5,5; Anjorin 5 (82′ Petrov sv), Smolov 5.
Allenatore: Nikolic 5.

Articolo a cura di Stefano Ghezzi – Sportpress24.com

Translate »
error: Contenuto protetto!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: