Verso Zorya-Roma: la conferenza stampa di Mourinho e Shomurodov

La Roma domani torna a giocare in Conference League. Alle 18:45 andrà in scena il match contro lo Zorya in Ucraina.

Il tecnico giallorosso José Mourinho insieme a Eldor Shomurodov, che tornerà a giocare titolare, sono intervenuti in conferenza stampa in vista del match. Di seguito le loro dichiarazioni:

MOURINHO CONFERENZA STAMPA

Una settimana faticosa, che incidenza può avere sulla partita di domani? 

“Ho giocato contro lo Zorya qualche anno fa a dicembre. Le condizioni erano diverse, oggi le condizioni sono molto buone per giocare. Non ho visto la superficie, ma la temperatura è buona per giocare”.

Che avversario immagina per domani? 

“Abbiamo analizzato quello che era possibile analizzato. Abbiamo visto i loro preliminari di Europa League, le partite contro il Bodo e le principali di campionato. Non sappiamo se domani cambieranno qualcosa, giocano con un modulo fisso 4-4-2 molto ben lavorato e la squadra organizzata. ci metterà in difficoltà. Vogliamo vincere ma è una squadra che ci può mettere in difficoltà”.

Sanno che avete collezionato molti trofei, avete motivazioni per vincere la Conference?

“Certo, la motivazione te la dà la competizione. Preferisco vincere la Champions, ma stiamo giocando la Conference. Stiamo giocando tanto, l’obiettivo non è il trofeo è vincere domani e finire primi nel girone”.

Vi sentite favoriti?

“Questa cosa dei favoriti è complessa. Oggi ogni paese ha organizzazione. Non si trovano più differenze così grandi tra paesi. Sarà la quarta diversa con cui gioco qui e non è mai stata una partita facile. Domani non sarà facile, la squadra è organizzata con un 4-4-4-2 fisso e i giocatori sanno quello che devono fare. Dovremo essere concentrati perché la partita non ha niente di semplice”.

Farete turnover?

“I cambi sono una cosa, la seconda squadra è un altro. Non esiste il concetto di seconda squadra. Abbiamo la necessità di far riposare alcuni giocatori e dobbiamo dare l’opportunità a chi ha giocato meno di scendere in campo. L’obiettivo è vincere”.

A SKY

Si sa poco dello Zorya, che si aspetta?

“Noi sappiamo tanto. Se non cambia, e non lo pensiamo perché abbiamo visto le partite di Conference e campionato, giocheranno con il 4-4-2 a rombo molto chiuso. Hanno fisicità, ma sanno usare bene il contropiede russo o ucraino tipico di una squadra intensa. Giocano bene, il risultato contro il Bodo è falso per il modo in cui si è sviluppata la partita. Il campo è buono, ho già giocato in Ucraina a dicembre con molto freddo e ghiaccio in campi con difficoltà, ma questo è perfetto così come la temperatura di 10/12 gradi”.

Come ha visto i giocatori dopo il derby?

“Li ho visti bene. Per noi la partita è finita quando è finita, non possiamo vincere. Non c’è niente da fare, quello che è da fare è vincere la prossima. Quella di domani”

Sarri ha detto che il rigore su Zaniolo era fuorigioco…

“Non voglio dire nulla. L’unica cosa che posso dire è che al di là del risultato e degli episodi abbiamo giocato cinque partite all’Olimpico di cui tre in campionato e questa contro la Lazio. La partita dove abbiamo più dominato e messo l’avversario in difficoltà è stata questa, è stata una partita in cui la mia squadra si è sentita più grande e l’avversario più piccolo. Quello che interessa è il risultato, abbiamo accettato la partita”.

Come scenderà in campo la Roma?

“Con lo stesso profilo delle altre partite. Giocherà qualche titolare, ho bisogno di gente che gioca spesso e con intensità e dare l’opportunità a qualcuno di riposare come ho fatto con Karsdorp e Veretout che ho lasciato a Trigoria per lavorare. Darò l’opportunità a qualcuno di giocare perché per me è sempre duro lasciare fuori calciatori lavorano per giocare”. 

Pellegrini porterà la fascia di capitano per i prossimi 5 anni…

“Non son preoccupato se è fatto o no. A Trigoria ho detto che era più vicino e da quel momento quando ho avuto il 100% di garanzie che lui voleva restare e che i nostri proprietari e il direttore volevano lo stesso, allora era una questione di giorni. Se sarà oggi o domani, non è importante. Ho fiducia che Lorenzo sarà con noi”.

SHOMURODOV IN CONFERENZA STAMPA

Sono dei giorni difficili a Roma dopo il verdetto del derby. Che peso ha avuto la sconfitta? Può essere una motivazione extra per tornare a vincere subito in Europa? 

“Il derby non è stato facile, ma siamo giocatori forti e domani saremo pronti per vincere”.

L’ucraina è meno sviluppata dal punto di vista calcistico, quali aspettative hai per questa partita? 

“Non c’entra il paese, tutti possono giocare a calcio. Siamo venuti per vincere”.

Che impressioni hai avuto sul derby? 

“Le squadre erano forti, poteva succedere di tutto. Ora guardiamo avanti  e siamo pronti a vincere domani”.

Cosa pensi dell’Ucraina e dei suoi calciatori?

“Non sono mai stato in Ucraina, ma so che le squadre e i calciatori sono molto forti”.

Pensavi di essere il protagonista della squadra? 

“No, non mi aspettavo questo. Mi sono ambientato bene e devo ringraziare i miei compagni che mi hanno aiutato”.

Foto in Copertina da Twitter – Articolo a cura di Davide Teta – SportPress24.com

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: