Juventus, l’addio di CR7 e risultati che latitano : Cosa dice la società?

L’incubo della Juventus dopo l’addio di Cristiano Ronaldo non ha mostrato alcun segno di cedimento. Nemmeno nel pareggio di domenica (1-1) contro il Milan a Torino, dove ha lasciato i “Bianconeri” al 18° posto (in zona retrocessione). Nessuna vittoria, dopo le prime quattro partite di Serie A italiana (0 vittorie-2 pareggi-2 sconfitte).

“La vita va avanti” è stato il messaggio di coach Massimiliano Allegri, quando ha saputo del desiderio del fuoriclasse portoghese di partire il mese scorso, ma la Juventus continua ad andare da un disastro all’altro.

La reazione a Torino per l’addio di Ronaldo, passato al Manchester United, è stata mista.

Nonostante sia stato il capocannoniere della squadra in ogni stagione trascorsa alla Juventus, l’impatto più ampio di Ronaldo non è stato sempre positivo, visto quanto è costato all’economia e alle esigenze del club.

Tuttavia, questo brutto inizio della Juventus sembra debole per opporsi a qualsiasi scusa per la sua partenza.

Il pareggio (1-1) contro i “red devils” ha fatto sì che la Juventus non riuscisse a prevalere in nessuna delle prime quattro partite di una stagione di Serie A, che è stata la quarta volta in totale e la prima dal 1961. – 62.

Il quotidiano italiano “Corriere dello Sport” ha insistito sul fatto che il club era arrivato al “basso”, mentre il quotidiano sportivo torinese “Tuttosport” ha riportato l’esistenza di una “crisi”.

La Juventus mantiene intatta la sua casa dall’inizio di marzo. “Secondo me è più una questione di mentalità che di condizione fisica”, ha detto a DAZN il difensore della Juventus Danilo.

“Non possiamo spingere o muoverci in modo difensivo come unità, non muoviamo la palla abbastanza velocemente e questo è sicuramente qualcosa che dobbiamo migliorare. Dobbiamo concentrarci solo sul nostro lavoro e sui nostri progressi, non su quello che stanno facendo gli altri team. “Se possiamo giocare al nostro livello, possiamo sicuramente salire in classifica”, ha aggiunto.

A parte questo, è un dato di fatto che la Juventus non stia vivendo i suoi giorni migliori a tutti i livelli… A livello agonistico, sta avendo il peggior inizio degli ultimi anni, essendo rimasta lontana dal vincere le prime 4 partite di campionato (2 pareggi, 2 sconfitte).

Finanziariamente, è la squadra che è stata “colpita” più di ogni altra in Italia dalla pandemia di coronavirus, che ricorda qualcosa da Il Barcellona, ​​come la scorsa stagione, ha registrato la più grande “perdita” finanziaria nella storia della Serie A UN.

Nello specifico, i dati dell’anno fiscale 2020/21 hanno mostrato una “perdita” di 209,9 milioni di euro nel bilancio della “Vecchia Signora”, che ha superato il corrispondente record negativo che l’Inter ha avuto dalla stagione 2006/07 (206 milioni di euro ).

Prove che mostrano l’entità del problema finanziario della Juventus, che ha aperto la strada alla creazione della Super League europea, nella speranza che le sue entrate si moltiplichino nei prossimi anni e le diano l’opportunità di “bilanciare” i suoi bilanci futuri.

Tutto ciò “giustifica” anche la politica economica molto più “stretta” perseguita dalla squadra di Andrea Anieli la scorsa estate, scegliendo di subentrare all’altissimo contratto di Cristiano Ronaldo – che è stato ceduto invece di 33 milioni di euro al Manchester United – e spendendo molto poco importi sul suo aumento di trasferimento.

In particolare, i dati dell’anno fiscale 2020/21 mostrano una “perdita” di 209,9 milioni di euro nel bilancio della “Vecchia Signora”, che è al di sopra del corrispondente record negativo che Internet ha raggiunto la stazione 2006/07 (206 milioni di euro).

Prova che l’oggetto del problema finanziario della Juventus, che ha aperto la strada alla creazione della Super League europea, non specifica che le voci siano moltiplicative nel processo e l’opportunità di “bilanciare” e bilanciare i futures.

Tutta questa “giustificazione” di politica economica è ancora più “semplice” della rosa di Andrea Anieli sul mercato immobiliare, compreso il contratto sottoscritto di Cristiano Ronaldo – che al Manchester United vale 33 milioni di euro – e la spesa per importare la tua commissione di trasferimento.

RECORD FINANZIARI DI “PERDITE” NELLE SQUADRE DI SERIE A

STAGIONE SQUADRA “PERDITA” 

Juventus 2020/21 209,9 milioni di euro

2006/07 Inter 206,0 milioni di euro

2019/20 Roma 204,0 milioni di euro

2019/20 Milano 194,6 milioni di euro 

2005/06 Inter 181,4 milioni di euro

2008/09 Inter 154,4 milioni di euro

2007/08 Inter 148,3 milioni di euro 

2018/19 Milano 145,9 milioni di euro

2014/15 Inter 140,5 milioni di euro

2017/18 Milano 126,0 milioni di euro

Manos Staramopoulos
Giornalista – Analista di calcio e affari internazionali
Membro del comitato calcistico AIPS e della IFFHS World Statistics Federation
Corrispondente: France Football, A Bola, Discoveryfootball.com, Mundo Deportivo, Sportpress24.com
Translate »
error: Contenuto protetto!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: