Lazio-Sarrismo, la Scarpa D’Oro e valanga di gol allo Spezia – Le Pagelle

Sembra un dejavù con la partita di Empoli, la Lazio va in svantaggio subito, ma ci mette pochissimo a ribaltare il risultato. Torna al gol la Scarpa d’Oro Ciro Immobile e lo fa con una tripletta e una prestazione fantastica. Come è successo al Castellani, termina il Primo Tempo sul 3-1. La Lazio non si ferma e nel ST arriva anche il gol di Anderson, Hysaj e Luis Alberto. Proprio il brasiliano e Pedro si confermano un punto forte e i migliori acquisti sin qui fatti dal club biancoceleste. Lo Spezia partito bene con il gol di Verde, si è andato a scontrare con la reazione degli uomini di Sarri che hanno fatto vedere un super calcio, in pratica il famoso ‘Sarrismo’.

LE PAGELLE DI LAZIO – SPEZIA 6-1 (4° Verde (S) – 5°, 15°, 47° Immobile (L), 47° Anderson (L), 70° Hysaj (L), 85° Luis Alberto (L) :

REINA 6 : Dopo 4′ prende un gol troppo ingenuo da una respinta troppo accademica. Gestisce il resto della gara senza nessun problema.

PATRIC 6,5 : Vince il ballottaggio con Luiz Felipe a causa dei problemi fisici degli ultimi giorni. Gioca con attenzione. Segue i consigli di Acerbi non esagerando con nessun movimento. Bravo

ACERBI 6,5 : La difesa non rischia nulla. Coordina Patric e Hysaj facendoli salire nei momenti ottimali. Non sbaglia nulla

LAZZARI 6 : Non ha vita facile dalla sua parte per la pressione e la velocità di Gyasi, tanto da non riuscire a coprire l’attaccante nerazzurro in occasione del cross che porta il gol del momentaneo vantaggio. Propio su una di queste coperture si infortuna ed è costretto a lasciare il campo. 24° MARUSIC 6,5 : Gioca con intelligenza coprendo le discese avversarie. Quando sale gestisce bene i palloni e la sua collaborazione con Pedro è fondamentale.

HYSAJ 7 : Ottimo feeling con Anderson e Luis Alberto. Come per Acerbi, anche lui non sbaglia nulla. Battezza anche lui la festa biancoceleste con la cinquina e il suo primo gol con la maglia della Lazio. Esperienza fondamentale per il gioco di Sarri e per il modulo.

MILINKOVIC 7 : Preferisce far fare il gioco alla parte avanzata della squadra restando a fare buona guarda a centrocampo. Bravo come al solito a gestire ottimamente i movimenti dei compagni. I gol di Immobile e poker di Anderson, sono frutto delle sue giocate seguite alla perfezione da Pedro. 70° CATALDI 6 : 20 minuti a disposizione dopo l’infortunio che lo ha colpito. Si butta nella mischia non tralasciando nulla. Si sacrifica nonostante già il risultato fosse scritto

LEIVA 6,5 : Si fa superare da Gyasi a centrocampo in occasione del cross che porta il gol di Verde. Non si muove tanto dalla sua postazione, facendo fare gioco a Marusic e Milinkovic. Tanto lavoro sporco a centrocampo gestito con esperienza.

LUIS ALBERTO 7,5 : A differenza di Empoli parte titolare. Si fa subito vedere, andando a pressare il centrocampo avversario. Il suo tocco certosino per Immobile al 15° è una delizia. Riesce a rallentare il gioco nel momento opportuno e a velocizzarlo quando serve. Partecipa anche lui alla sagra dei gol. Non molla nulla neanche quando la partita sembra essere finita.

FELIPE ANDERSON 8 : Fa un’azione incredibile nel secondo gol di Immobile. Pressa tutti e va a prendersi palla. Inutile dire che il suo ritorno alla Lazio lo ha letteralmente galvanizzato. Infaticabile si prende i consigli e gli stimoli di Sarri a bordo campo da vero figlio ubbidiente. Un cavallo da tiro e da battaglia, il gol all’inizio del ST è la chiara prova della sua maturità acquisita e conquistata. La sua velocità crea problemi in continuazione e se ne accorge anche Amian che che viene espulso per trattenuta sul brasiliano. 80° ROMERO SV

PEDRO 7,5 : Dopo il vantaggio di Verde, prende subito la fascia e la fa sua, con un ottimo assist per Immobile che pareggia immediatamente. Al 18° rischia di fare il suo primo gol in biancoceleste su assist di Anderson, deviato in angolo da Zoet. Riesce a comunicare in mezzo al campo con tutti i compagni come se li conoscesse da una vita. La sua pressione in area porta il VAR a concedere il calcio di rigore proprio sul fallo da lui subito. 70° RAUL MORO 6 : Appena entrato spacca subito la difesa avversaria. Giocate da play station, bravo Sarri a dargli fiducia.

IMMOBILE 9 : Risponde immediatamente al gol di Verde con un’ottima azione su assist di Pedro. Si ripete dopo 10 minuti su tocco da fuori area di Luis Alberto. La coordinazione con Felipe Anderson è un qualcosa di eccezionale per chi ama il calcio. La Scarpa D’Oro è tornata, e lo ha fatto forte andando a fare giocate a tutto campo con una coordinazione con i compagni da vero leader. Sbaglia il calcio di rigore al 46°, ma oggi è giornata e da successivo calcio d’angolo, la tripletta è servita. 80° MURIQI SV

SARRI 8 : Dice sempre di aspettare la vera Lazio, ma anche oggi rifila una sestina allo Spezia ribaltando il momentaneo 0-1. Squadra tosta, compatta e intelligente. Qualcuno stentava a credere che il Sarrismo potesse arrivare a Roma, beh possiamo dire che se ci fossero dubbi, la partita di oggi è stata molto chiara. Si prende i meritati applausi e richiami dei tifosi che hanno festeggiato insieme al tecnico toscano il ritorno allo Stadio dopo circa 2 anni.

SPEZIA (3-4-3): Zoet 5; Amian 4, Erlic 5, Nikolaou 5; Vignali 5, Maggiore 5,5, Ferrer 5, Bastoni 5,5; Verde 6,5 (Hristov 5,5), Gyasi 5,5, E. Colley 5,5 (Mraz 5,5) All. Motta 5.

 

tifosi allo stadio lazio curva nord

Articolo a cura di Stefano Ghezzi – Sportpress24.com

Translate »
error: Contenuto protetto!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: