UEFA, che guaio: anche La Corte di Giustizia Europea (ECJ) ​ha respinto il ricorso contro la Super League

La Corte di Giustizia Europea (ECJ) in Lussemburgo ha respinto un ricorso della UEFA contro una decisione del tribunale che ordinava di sospendere il procedimento disciplinare contro i fondatori della proposta Super League Europea (ESL), tra cui Barcellona, ​​Juventus e Real Madrid, i tre club annunciato venerdì.

La Corte di giustizia europea, che dovrebbe valutare “la posizione monopolistica della UEFA sul calcio europeo”, ha anche ordinato all’organo di governo del calcio europeo di ritirare le multe già inflitte a nove dei 12 club fondatori dell’ESL, hanno aggiunto i tre club in una dichiarazione congiunta.

Ha avvertito la UEFA che il mancato rispetto immediato della sua decisione comporterebbe multe e potenziali responsabilità penali, hanno affermato i tre club.

Anche Barcellona, ​​Juventus e Real Madrid hanno confermato la loro volontà di perseguire i loro piani per creare la Super League.

“Il nostro obiettivo è continuare a sviluppare il progetto della Super League in modo costruttivo e cooperativo, contando sempre su tutti gli attori del calcio: tifosi, giocatori, allenatori, club, leghe e associazioni nazionali e internazionali”, hanno affermato. “Rimaniamo fiduciosi nel successo di un progetto che sarà sempre conforme alle leggi dell’Unione Europea”.

A maggio, la Commissione d’Appello UEFA aveva deciso di sospendere i procedimenti disciplinari contro i tre club “fino a nuovo avviso” a seguito di un’ingiunzione da parte di un tribunale di Madrid che vietava all’organizzazione e alla FIFA di agire contro il progetto per creare l’ESL, un potenziale concorrente per la Champions League, finché il conflitto non sarà risolto.

Dopo una polemica di due giorni che aveva suscitato l’opposizione di tifosi, organizzazioni e giocatori, nove dei 12 club fondatori, tra cui gli ultimi finalisti della League of Champions, Chelsea e Manchester City, si sono ritirati, riconoscendo di aver commesso un “errore”.

La UEFA ha inflitto una condanna leggera ai ribelli, che hanno accettato di pagare una multa combinata di 15 milioni di euro e di rinunciare al 5% del loro premio in denaro per una stagione.

I sei club inglesi che erano stati coinvolti nei piani per creare l’ESL hanno anche firmato un accordo finanziario con il loro campionato nazionale, la potente Premier League, per un importo totale di 25 milioni di euro, secondo quanto riportato dai media britannici.

La UEFA ha sospeso l’azione disciplinare contro gli ultimi tre club ribelli in attesa dell’esito del dibattito legale, che è diventato ancora più complicato dopo che il tribunale di Madrid ha portato il caso alla Corte di giustizia europea.

La questione in discussione per la governance dello sport in Europa e il monopolio rivendicato dai suoi organi è se, proteggendo così i suoi campionati, l’UEFA abbia abusato della sua posizione dominante, violando così il diritto alla competizione.

L’organismo presieduto da Aleksander Ceferin aveva minacciato Real Madrid, Juventus e Barcellona di esclusione dalle competizioni europee.

Manos Staramopoulos
Giornalista – Analista di calcio e affari internazionali
Membro del comitato calcistico AIPS e della IFFHS World Statistics Federation
Corrispondente: France Football, A Bola, Discoveryfootball.com, Mundo Deportivo, Sportpress24.com
manos staramopoulos

One thought on “UEFA, che guaio: anche La Corte di Giustizia Europea (ECJ) ​ha respinto il ricorso contro la Super League

Comments are closed.

Translate »
error: Contenuto protetto!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: