Tokyo 2020: Licenziato direttore della cerimonia, battute antisemite

Dopo le preoccupazioni e le polemiche a causa del covid, le Olimpiadi di Tokyo 2020 tornano al centro dell’attenzione prima ancora del loro inizio a causa di una decisione del comitato organizzatore dei giochi e della sua presidente Seiko Hashimoto.

Il direttore della cerimonia di apertura, Kentaro Kobayashi regista e direttore della cerimonia d’apertura, è stato licenziato dal suo ruolo per via dell’accusa di antisemitismo.

Nel 1998 il regista Kobayashi aveva inserito in una delle sue commedie una battuta sull’olocausto, che è stata giudicata inaccettabile anche a distanza di tempo, lo stesso presidente Hashimoto ha voluto comunicare la notizia alla stampa e scusarsi pubblicamente per l’accaduto:

“Abbiamo scoperto che il signor Kobayashi, nella sua stessa esibizione, ha usato una frase per ridicolizzare una tragedia storica” continuando “Ci scusiamo profondamente per aver causato un tale problema il giorno prima della cerimonia di apertura e per aver causato problemi e preoccupazioni a molte parti coinvolte, nonché alle persone a Tokyo e nel resto del Paese”. 

La cerimonia d’apertura nonostante questo scivolone andrà avanti senza ritardi o sorprese, ci è stato anticipato però che sarà un evento della durata di 3 ore e mezzo che andrà in scena nello Stadio olimpico, una cerimonia molto sobria e con riferimenti ispirati al dramma della pandemia per come è stato vissuto nella quotidianità e nel mondo dello sport.

In Italia sarà trasmesso in diretta dalle ore 13:00 (ore 20:00 in Giappone).

Foto di copertina dal Web – Articolo a cura di Gianluca Murano – Sportpress24.com

Translate »
error: Contenuto protetto!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: