EURO 2020, tanto spettacolo ma anche momenti discutibili e controversi

Euro 2020 ha avuto la sua giusta dose di momenti avvincenti, intensi e memorabili durante il suo corso. Tuttavia, proprio come qualsiasi altro torneo di calcio, ha avuto anche molti momenti discutibili e controversi.

Proprio come la discutibile celebrazione di Ronald Koeman contro la Germania negli Euro del 1988, storicamente gli Euro sono stati la patria di momenti anche molto discutibili.

Ecco cinque momenti controversi della competizione della Coppa Europea :

1. Decisione di Sterling contro la Danimarca

L’Inghilterra si è scontrata con la Danimarca nella semifinale degli Europei. Nella prima metà dei tempi supplementari, Sterling è passato attraverso la difesa danese fino a quando Joakim Maehle in area lo ha placcato e l’arbitro ha immediatamente indicato il dischetto. I replay hanno mostrato che c’era un contatto minimo durante il placcaggio, inoltre il VAR non ha incoraggiato l’arbitro a vedere la sfida da solo sul monitor.

Esperti come Arsene Wenger e Jose Mourinho hanno anche messo in dubbio la decisione e hanno affermato che non si trattava di un rigore.

2. I fischi dell’inno nazionale danese

Durante i momenti iniziali della partita di semifinale tra Danimarca e Inghilterra, i fan hanno sentito fischiare l’inno nazionale danese. Diversi fan si sono rivolti a Twitter criticando pesantemente il comportamento dei fan inglesi definendolo “vergognoso”.

3. La Danimarca costretta a giocare con la Finlandia dopo il collasso di Eriksen

Christian Eriksen è svenuto a causa di un arresto cardiaco durante la partita della fase a gironi tra Danimarca e Finlandia. Dopo essere stato ricoverato con successo in ospedale ed è stato stabile, la UEFA ha costretto la Danimarca a giocare immediatamente e finire i 50 minuti rimasti, per venire il giorno successivo e completare i minuti rimanenti o rinunciare completamente alla partita. La UEFA è stata criticata sui social per essere stata insensibile a questa delicata situazione.

4. La controversia sulla Coca Cola di Cristiano Ronaldo

Durante una conferenza stampa, Ronaldo ha messo da parte due bottiglie di Coca Cola e ha preso una bottiglia d’acqua con la scritta “acqua”. Era chiaro che non era contento delle due bottiglie di Coca Cola tenute sul tavolo. Ciò ha fatto precipitare le azioni della Coca-Cola in pochi minuti. Dopo questo evento, la UEFA ha avvertito i giocatori di sanzioni se avessero fatto qualcosa di simile.

5. Comportamento razzista dei fan inglesi

Ieri sera l’Italia è stata incoronata campionessa di Euro 2020 dopo aver vinto 3-2 ai rigori contro l’Inghilterra in finale. Marcus Rashford, Jadon Sancho e Bukayo Saka hanno sbagliato i loro fondamentali calci di rigore contro l’Italia. Dopo la partita, a questi giocatori sono state indirizzate più osservazioni sugli abusi razziali. Molte persone sui social media hanno anche continuato a fare commenti simili nei confronti dei giocatori inglesi.

Manos Staramopoulos
Giornalista – Analista di calcio e affari internazionali
Membro del comitato calcistico AIPS e della IFFHS World Statistics Federation
Corrispondente: France Football, A Bola, Discoveryfootball.com, Mundo Deportivo, Sportpress24.com
manos staramopoulos
Translate »
error: Contenuto protetto!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: