Samuel Eto’o: “Il potere del calcio di unire e influenzare il cambiamento positivo non è mai stato così grande”

A cura di: Samuel Eto’o, Qatar Legacy Ambassador

Abbiamo raggiunto il momento più emozionante del calendario calcistico. Questa settimana si svolgeranno le finali di UEFA Champions League, Europa League e Supercoppa CAF, insieme alle partite di fine stagione in diversi importanti campionati. Giocare in questi grandi giochi è ciò che ogni giocatore sogna. Durante la mia carriera ho avuto l’onore di giocare molte partite importanti, inclusa la finale di Champions League in tre occasioni – vincendola due volte con il Barcellona e una volta con l’Inter – quindi so quanto sia speciale vivere questi momenti con la famiglia, i compagni di squadra e, soprattutto, i tifosi.

Per i giovani giocatori come Phil Foden e Mason Mount, questa sarà la prima volta che giocano in un gioco così importante. Nonostante la loro età, entrambi i giocatori hanno avuto una stagione impressionante e potrebbero avere un grande impatto sul risultato. Ci sono molti grandi giocatori passati e presenti che non hanno avuto queste opportunità, quindi è importante per i giocatori assaporare l’esperienza e fare tutto il possibile per avere un’influenza sul gioco.

Questa settimana, a Doha, si giocherà anche la finale della Supercoppa CAF ritardata tra Al Ahly d’Egitto e Renaissance Berkane del Marocco. È bello vedere partite importanti come questa giocate in Qatar in quanto offre al paese un’altra opportunità per mettere a punto i suoi preparativi in ​​vista della Coppa del Mondo FIFA del prossimo anno.

Credo che il Qatar 2022 lascerà un’eredità positiva

A poco più di 18 mesi dal lancio del primo pallone alla Coppa del Mondo FIFA nel 2022, l’eccitazione sta davvero iniziando a crescere in Qatar e in tutta la regione. Il Qatar 2022 sarà per molti versi un Mondiale di primati, e spero che venga ricordato per le giuste ragioni; per l’azione in campo, le indimenticabili esperienze dei tifosi e l’eredità positiva che lascerà al Qatar, al Medio Oriente e al mondo arabo.

Negli ultimi mesi, abbiamo visto i calciatori sollevare preoccupazioni su questioni relative ai diritti umani e altri problemi della società, come il razzismo. Ho sempre creduto che, ove possibile, sia importante che i giocatori utilizzino le loro piattaforme per far luce su eventuali problemi al fine di accelerare il cambiamento positivo in tutto il mondo.

Ospitare la Coppa del Mondo è un privilegio che comporta una notevole quantità di responsabilità. Fin dall’inizio, il Qatar ha affermato di voler utilizzare il torneo come un’opportunità per apportare cambiamenti sostenibili e positivi nel Paese e lasciare un’eredità significativa oltre il 2022.

Un’area di progresso sono stati i diritti dei lavoratori, che hanno ricevuto molta attenzione negli ultimi mesi. Da quando la Coppa del Mondo è stata assegnata al Qatar nel 2010, il Comitato Supremo per la consegna e l’eredità, l’ente organizzatore della Coppa del Mondo del Qatar, ha implementato rigorose procedure di salute e sicurezza, sviluppato una gamma di nuove tecnologie per combattere aree come lo stress da calore e ha lavorato con gli appaltatori rimborsare più di QAR 100 milioni di assunzioni illegali a decine di migliaia di lavoratori.

Il governo ha anche introdotto una nuova legislazione per riformare il mercato del lavoro del paese. La Coppa del Mondo ha accelerato l’attuazione di queste riforme nazionali nell’ultimo decennio e ha contribuito a rendere il Qatar un luogo più equo e sicuro in cui vivere e lavorare.

Il Qatar 2022 sarà il Mondiale più compatto della storia

La mia esperienza personale del Qatar è stata positiva. Sono residente da tre anni ormai, avendo terminato la mia carriera calcistica giocando per il Qatar Sports Club nel 2019. Sebbene il Qatar abbia la sua cultura e tradizioni uniche, condivide anche molte somiglianze con i precedenti paesi ospitanti la Coppa del Mondo. La sua gente è molto accogliente e orientata alla famiglia, quindi a questo proposito mi ricorda il Brasile nel 2014 o il Sudafrica nel 2010. Il Qatar e il mondo arabo vantano anche alcuni dei fan più appassionati che abbia mai incontrato; fan che senza dubbio garantiranno un’atmosfera vibrante nel 2022.

Una delle cose più singolari di questa Coppa del Mondo sarà la sua natura compatta. Una volta che i tifosi, i giocatori e gli arbitri arriveranno all’aeroporto internazionale di Hamad, potranno soggiornare in un solo alloggio per l’intero torneo. Mentre molti soggiorneranno in hotel o appartamenti con servizi alberghieri, il Qatar avrà anche alcune opzioni di alloggio uniche a disposizione dei fan, come l’opportunità di accamparsi nel deserto o di soggiornare a bordo di una lussuosa nave da crociera ormeggiata a West Bay, che avrà viste incredibili dello skyline della città di Doha.

Penso che il torneo avrà un’atmosfera da Olimpiadi. Tutti i tifosi itineranti e tutti coloro che vivono in Qatar saranno nel bel mezzo dell’azione e  sentiti connesso al torneo dall’inizio alla fine. I fan potranno assistere a più di una partita dal vivo al giorno, il che è molto emozionante e la prima per un moderno Mondiale.

Gli stadi in Qatar sono tra i più impressionanti che abbia mai visto

Mi ritengo fortunato ad aver visitato tutti e quattro gli stadi pronti per il torneo e, ogni volta, mi sento come un bambino a cui è stato regalato un nuovo giocattolo. Entrando per la prima volta in uno di questi nuovi stadi, ho sempre lo stesso pensiero: vorrei avere dieci anni di meno, così potrei indossare le scarpe e avere il privilegio di rappresentare il popolo del Camerun in questo luogo incredibile.

Ogni piccolo dettaglio di ogni stadio è stato progettato per offrire la migliore esperienza possibile sia ai giocatori che ai tifosi. Anche se per me, una delle cose più impressionanti è che alcuni degli stadi sono stati progettati in modo tale da poter essere smantellati dopo il torneo, con gran parte delle infrastrutture donate ad altri paesi. Nessun altro paese ha mai fatto qualcosa di simile prima e sarà una grande eredità del Qatar 2022.

Parlando con la gente del posto, so che i residenti del Qatar sono entusiasti di accogliere un mix diversificato di persone provenienti da tutto il mondo per vivere il loro piccolo paese. Sarà un’opportunità straordinaria per riunire il mondo per celebrare culture diverse e unirsi in un amore condiviso per il bellissimo gioco dopo alcuni anni difficili causati dalla pandemia globale. Penso che sarà una pietra miliare importante nella storia del calcio e sono entusiasta di condividere questa esperienza con i tifosi di ogni angolo del mondo.

 

Manos Staramopoulos
Giornalista – Analista di calcio e affari internazionali
Membro del comitato calcistico AIPS e della IFFHS World Statistics Federation
Corrispondente: France Football, A Bola, Discoveryfootball.com, Mundo Deportivo, Sportpress24.com
manos staramopoulos
Translate »
error: Contenuto protetto!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: