Giro d’Italia 2021: la 4ª tappa va a Dombrowski, maglia rosa a De Marchi

La quarta tappa del Giro d’Italia 2021 da Piacenza a Sestola, lunga 187 km e con tre Gran premi della montagna (due di terza categoria e uno, nel finale, di seconda categoria), è stata vinta dallo statunitense Dombrowski con una super cavalcata finale. La maglia rosa rimane comunque italiana, e passa a De Marchi, che finisce secondo a Sestola. Fiorelli taglia il traguardo in terza posizione, mentre uno dei big che ha deluso è Almeida, che conclude con un enorme ritardo.

Alessandro De Marchi, la nuova maglia rosa, ha dichiarato al traguardo: “Arriva dopo 11 anni di fatica, la dedico a me stesso e a mia moglie Anna”.

Il percorso è cominciato con una fastidiosa pioggia e vento, e con alcuni ciclisti che cadono durante il trasferimento. Hermans e Campenaerts sono i primi a cercare di staccare il gruppone. Poi il ritmo dietro si alza e molti perdono il passo, formando diversi gruppetti che vanno all’inseguimento dei primi due. Dopodiché la gara continua con 25 atleti che staccano di ben 5 minuti il resto dei ciclisti, tra cui l’uscente maglia rosa Ganna. Tagliani si prende il primo traguardo volante, mentre Gavazzi fa suo il GPM di Castello di Carpineti.

Il 29enne della Uae Emirates termina la gara praticamente da solo e va a prendersi la quarta tappa del Giro in poco meno di cinque ore. De Marchi si prende la maglia rosa, con 22 secondi di vantaggio sullo stesso statunitense (maglia azzurra) e 42″ su Vervaeke. Anche Vlasov, Evenepoel e Bettiol sono tra i primi dieci della classifica con il minuto e mezzo circa di ritardo dal più veloce, staccatissimo invece Almeida. La maglia ciclamino rimane a Merlier, quella bianca va a Valter in vista della quinta tappa di mercoledì, da Modena a Cattolica.

Foto in Copertina dal Web – Articolo a cura di Davide Teta

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: