Verso Roma-Manchester United, Solskjaer: “Giocheremo per vincere”

L’allenatore del Manchester United, Ole Gunnar Solskjaer, è intervenuto in conferenza stampa alla vigilia della sfida tra Roma e Manchester United allo Stadio Olimpico, sfida valida per il ritorno delle semifinali di Europa League. Il tecnico non si sente ancora in finale nonostante la grande vittoria a Manchester per 6-2: “Dobbiamo fare una buona partita e vincere, non siamo ancora nella posizione di scendere in campo gestendo il risultato dell’andata. E infatti non lo faremo, giocheremo per vincere. Per quanto riguarda la formazione potrebbero esserci uno o due cambi, anche in considerazione delle prossime partite. Vogliamo arrivare in finale, tutti dicono che è finita ma non lo è. In Europa ci sono state grandi rimonte, tra cui proprio quella della Roma contro il Barcellona dopo aver perso 4-1 all’andata. Forma fisica? Abbiamo uno staff tecnico fantastico, con cui lavoriamo su robustezza e resilienza. Una squadra vincente come il Manchester United deve avere calciatori che possono giocare 45, 50 o più partite durante la stagione a uno standard elevato. Cerchiamo di avere buone abitudini e recuperare bene in allenamento”.

Riguardo ai suoi giocati: “Con Cavani ultimamente abbiamo avuto delle belle chiacchierate. Per quanto riguarda il suo rinnovo sono fiducioso anche se la decisione finale spetterà a lui. Greenwood? Abbiamo parlato prima della partita contro il Liverpool, che sarebbe stata la sua 100esima. Ha solo 19 anni ma sta facendo benissimo sia in allenamento che in campo, sono molto contento di lui e deve continuare così. Un giocatore intelligente, che sa fare assist e gol”.

LE PAROLE DI BRUNO FERNANDES

In conferenza stampa è intervenuto anche il centrocampista Bruno Fernandes, tra i protagonisti nella gara di andata: “Spero di giocare nuovamente più di 50 partite la prossima stagione, quando giochi in un club come questo gli standard devono essere alti. Contro la Roma all’andata non è stata la mia partita migliore, ma sui numeri tutti dicono che non ho mai fatto meglio di così, è la prima volta che ho fatto due gol e due assist in una partita. Voglio migliorare, ma quello che conta innanzitutto è che siamo vicini per ottenere un trofeo. Per noi sarebbe un miglioramento rispetto alla scorsa stagione, dove non abbiamo vinto niente. Sappiamo quanto possiamo essere bravi, i giocatori forti portano qualità alla squadra. Per esempio, sappiamo cosa possono darci Pogba e Cavani. Negli ultimi mesi la squadra è migliorata tantissimo e possiamo ancora crescere”.

Foto in Copertina dal Web – Articolo a cura di Davide Teta

Translate »
error: Contenuto protetto!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: