INDYCAR: Prima vittoria per McLaren, mancava da 42 anni

Pato O’Ward conquista in Texas la sua prima gara IndyCar con McLaren, in una sorprendente e combattuta sfida a 4 per la vittoria.

Dopo i podi e la vittoria mancata della scorsa stagionale, e la grande gara del Barber, la velocità del giovane pilota messicano sulla sua McLaren #5 gli è valsa infine la prima vittoria in carriera, e il secondo posto in classifica di un campionato IndyCar più aperto che mai.

Gara che parte con un incidente iniziato poco prima della linea di partenza che coinvolge 7 vetture: Pietro Fittipaldi tampona Bourdais (macchina già incidentata ieri), che colpisce a sua volta Rossi, la #51 e la #27 finiscono davanti a Jones e  Kanaan, mentre Bourdais fuori controllo viene centrato anche da Kellett, infine Conor Daly, in ultima posizione finisce in un sandwich tra Kellett e Jones, ribaltandosi per qualche centinaio di metri. Tutti i piloti escono sulle loro gambe, con Daly e Fittipaldi che rimediano un paio di contusioni, con il solo Kanaan in grado di ripartire.

 

Alla bandiera a scacchi quindi giunge per primo Pato O’Ward, alla sua prima vittoria, la prima anche per Arrow McLaren Schmidt Peterson dopo l’acquisizione da parte della casa inglese.Questa è anche la prima vittoria per McLaren dal 1979, quando il 22 aprile ad Atlanta vinse per l’ultima volta con la casa di Woking Johnny Rutherford.

Zak Brown e Patricio O’Ward avevano fatto un patto prima della stagione, e il patron della McLaren lo rispetterà: dopo il suo primo successo in IndyCar, O’Ward sarà al volante della McLaren di F1 nei rookie test che si terranno a fine anno ad Abu Dhabi. O’Ward nel 2019 era stato inquadrato dalla Red Bull Driver Academy, salvo poi dover abbandonare il programma per mancanza dei punti neccessari ad ottenere una superlicenza.

Patricio O’Ward

Patricio O’Ward

Foto dal Web

Translate »
error: Contenuto protetto!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: