Gli organizzatori del Qatar 2022 usano la scienza comportamentale per deviare i rifiuti dalle discariche

Con meno di due anni prima che il Qatar ospiterà la Coppa del Mondo FIFA e con un forte impegno a ridurre al minimo i rifiuti in discarica come parte della strategia di sostenibilità della Coppa del Mondo FIFA Qatar 2022, gli organizzatori dei tornei stanno aprendo la strada all’uso di interventi comportamentali incoraggiare il riciclaggio e ridurre lo spreco di rifiuti.

Più di recente, la FIFA World Cup Qatar 2022 LLC (Q22) ha ottenuto l’aiuto della B4Development Foundation (B4D), la prima unità di approfondimenti comportamentali della regione, per progettare e implementare una serie di interventi alla FIFA Club World Cup Qatar 2020 ™, che è stata tenutasi dal 4 all’11 febbraio di quest’anno.

Il torneo includeva una serie di misure innovative implementate per ridurre al minimo i rifiuti nelle discariche. Questi includevano la garanzia che i materiali potessero essere riutilizzati o riciclati, la formazione alla forza lavoro, l’installazione di un sistema di contenitori per facilitare la segregazione dei rifiuti da parte della forza lavoro e degli spettatori e lo sviluppo di partnership con le aziende per garantire il riciclaggio e il compostaggio dei rifiuti una volta se lasciati i siti della competizione.

“All’inizio ci siamo resi conto che, anche con il massimo impegno, era fondamentale studiare gli interventi che avrebbero influenzato le persone a fare un uso corretto del sistema di segregazione dei rifiuti. Una cattiva segregazione dei rifiuti può comportare l’invio in discarica di tonnellate di rifiuti potenzialmente riciclabili ” ha affermato José Retana, Senior Manager per la sostenibilità di Q22.

Tre interventi comportamentali sono stati implementati all’Education City Stadium, che ha ospitato quattro partite durante il torneo, inclusa la finale tra gli eventuali vincitori, il Bayern Monaco, dalla Germania, e la squadra messicana, Tigres UANL. Gli interventi si sono concentrati sullo smaltimento dei rifiuti e sui rifiuti. Lo scopo era raccogliere dati su come si comportavano i fan in presenza di messaggistica specifica rispetto ad aree prive di messaggistica.

In uno degli interventi, i bidoni sono stati collocati a coppie in tutto lo stadio; uno destinato al materiale riciclabile e l’altro ai rifiuti non riciclabili. Sopra di loro è stato posto un cartello per incoraggiare i fan a farne uso.

Qui sta l’esperimento; sopra alcuni contenitori, il messaggio consisteva semplicemente nella frase: “Ricicla”, mentre altri contenitori avevano un messaggio più imperativo, come “Fai del bene, ricicla bene”. Con lo scopo di evidenziare il valore morale del riciclaggio e incoraggiare un corretto comportamento di riciclaggio, quest’ultimo messaggio ha prodotto un numero maggiore di interazioni corrette nel cestino rispetto al messaggio più semplice.

“Sfruttare le intuizioni comportamentali promuove politiche basate su prove per affrontare le sfide con radici comportamentali. Quelli che possono sembrare semplici interventi dall’esterno fanno molto per guidare il processo decisionale quotidiano delle persone in un modo che crea un maggiore impatto sulla sostenibilità “, ha affermato il dott. Fadi Makki, direttore di B4D.

“Considerando che i fan giocano un ruolo così critico nella sostenibilità di un grande evento sportivo come la Coppa del Mondo FIFA, l’implementazione di metodi di scienza comportamentale in quest’area farà molto per capire come spingere al meglio i fan in un modo particolare in modo che il loro azioni riducono gli sprechi inutili all’evento e in futuro ”, ha aggiunto Makki.

Un altro intervento implementato durante la Coppa del Mondo per club si è concentrato sul littering. Alcune zone di Education City sono state dotate di adesivi per pavimenti di grandi dimensioni tra le file di sedili con il messaggio: “Aspetta! Per favore, non lasciare i tuoi rifiuti dietro! ”

Inseriti in arabo e in inglese, i messaggi hanno formato un promemoria visivamente sorprendente per i fan di non lasciare rifiuti sopra o intorno ai loro posti dopo la fine della partita. I risultati hanno mostrato che nelle zone con gli adesivi posizionati sul pavimento, i rifiuti erano notevolmente ridotti rispetto a quelle aree dello stadio dove quei messaggi non erano disponibili.

 Il terzo e ultimo intervento è stato un breve sondaggio che è stato distribuito in tutta Education City utilizzando poster con un codice QR, incoraggiando i fan a completare il questionario e partecipare a un sorteggio per vincere un pallone firmato dall’ambasciatore del Qatar Legacy Xavi Hernández.

Tra le altre cose, il sondaggio ha verificato se fornire ai fan un invito all’azione individuale, come “Consegnare zero rifiuti ai tornei in discarica dipende anche da te!”, Aumenterebbe la loro volontà di impegnarsi in comportamenti sostenibili. I risultati del sondaggio hanno anche fornito informazioni sui livelli di conoscenza dei fan in materia di riciclaggio e contribuiranno notevolmente a informare il lavoro di Q22 in vista della Coppa del Mondo FIFA ™.

“Il nostro lavoro con B4D è importante a molti livelli. Non solo aiuta a mettere i fan al centro dei nostri sforzi per offrire un torneo sostenibile nel 2022, ma crea anche conoscenze che possono consentire ad altri eventi sportivi di deviare i rifiuti dalle discariche e salvaguardare l’ambiente naturale “, ha aggiunto Retana.

Manos Staramopoulos
Giornalista – Analista di calcio e affari internazionali
Membro del comitato calcistico AIPS e della IFFHS World Statistics Federation
Corrispondente: France Football, A Bola, Discoveryfootball. com, Mundo Deportivo
manos staramopoulos
Translate »
error: Contenuto protetto!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: