Real Madrid, Florentino Perez sogna la finale Champions a Istanbul

Il Real Madrid, ottimamente allestito in campo ad Anfield, ha bloccato le carte vincenti offensive del Liverpool, è uscito con un pareggio per 0-0 e ora affronterà il Chelsea di Thomas Tuchel in semifinale (prima partita a Madrid). Dopo la prima partita in “Alfedo di Stefano” aveva prevalso 3-1.

Il Real, che mercoledì sera ha estromesso il Liverpool per 0-0 ad Anfield dalla squadra di Jürgen Klopp, rimane l’unico club ad aver vinto due titoli consecutivi nella corsa alla Champions League.

La “Regina” ha vinto tre titoli consecutivi dal 2016 al 2018 e al 2017 ed è diventata la prima squadra a spezzare una “maledizione” che esisteva da quasi un quarto di secolo, secondo il sito web della UEFA. Forse è stato un regalo al suo presidente, Florentino Perez, che è stato rieletto alla sua leadership all’unanimità.

Ha ripetuto il traguardo 12 mesi dopo, ma la stagione successiva (2018/19) è stato eliminato nella “16”.

Un destino che fu ripetuto dal – titolare – Liverpool nella stagione successiva.

Il potente Bayern questa volta è andato oltre, ma è stato eliminato a sua volta. Nel complesso, i detentori, solo una volta non sono riusciti a superare la fase a gironi. Era il Chelsea nella stagione 2012/13, con il resto eliminato nelle fasi successive. Sette sono rimasti fuori dai “16” (inclusa la prima stagione 1992/93-Barcellona), 7 nei quarti e sette in semifinale. Sei sono i campioni che sono riusciti a raggiungere la finale, ma solo il Real Madrid – due volte, è riuscito a festeggiare alla fine.

Tornando indietro nel tempo vedremo che la storia era molto diversa nei giorni del torneo, come la Coppa dei Campioni: il Real Madrid vinse i primi cinque tornei, mentre altre sette squadre difesero con successo anche il loro titolo prima del 1992/93: Benfica, Inter , Ajax (due volte), Bayern (due volte), Liverpool, Nottingham Forest e Milan.

Vale la pena notare che il Real Madrid ha incontrato per la prima volta il Chelsea nel 1971 nella finale di Coppa delle Coppe allo stadio Karaiskaki, dove hanno giocato due partite, poiché all’epoca non c’erano calci di rigore. Così la prima partita è finita 1-1, mentre nella seconda (sempre sullo stesso campo) il Chelsea ha avuto la meglio con 2-1, ancora una volta nella finale di Supercoppa il Chelsea aveva avuto la meglio per 1-0.

Ora, ovviamente, il Real Madrid di Zidane sta scrivendo una nuova storia e punta a dare la sua presenza a Istanbul alla fine di maggio in un’altra finale della massima competizione inter-club.

Manos Staramopoulos
Giornalista – Analista di calcio e affari internazionali
Membro del comitato calcistico AIPS e della IFFHS World Statistics Federation
Corrispondente: France Football, A Bola, Discoveryfootball. com, Mundo Deportivo
manos staramopoulos
Translate »
error: Contenuto protetto!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: