NAZIONALE, Mancini incalza il record di Pozzo. Italia imbattuta da 24 partite

Continua l’avventura la Nazionale italiana, allenata da Roberto Mancini. Domenica sera ha prevalso per la prima volta nella storia della trasferta, la Bulgaria, per 2-0.

Resta quindi imbattuto per la 24esima partita consecutiva, di cui solo 4 amichevoli, e prosegue il suo corso per la fase finale del Mondiale 2022, che si svolgerà in Qatar.

L’azzurro di Mancini con 24 partite di imbattibilità è a un passo dalle 25 di Marcelo Lippi e 30 (30) di Vittorio Pozzo. Recupera “Lippi (2004-2006).

Ottima anche la differenza reti, +52, mentre in 17 partite su 29 in totale l’Italia non ha subito gol e ha visto il pallone entrare nella sua rete solo tre volte nelle ultime 14 partite. Anche nelle sue 29 partite da allenatore, Mancini ha vinto il 69% delle partite, 20 in totale ed è il federale italiano con la media di vittorie più alta. Dietro Vittorio Pozzo, con il 66% su 95 panchine, mentre Arigo Sacchi è al 64% in 53 partite.

Va notato che l’Italia ha mantenuto intatto il suo focus per 6 partite consecutive. Ha così superato il precedente record ottenuto con Ferruccio Valcareggi, tra il 1972 e il 1974, aggiunto dalla società britannica di analisi dei dati sportivi Opta Sports.

Storica anche la vittoria dell’Italia sulla Bulgaria, la prima conquistata dagli Azzurri in Bulgaria. In precedenza, la nazionale italiana aveva quattro pareggi e due sconfitte in terra bulgara. L’ultima sconfitta (2-1) risale al 1991, in un’amichevole di Sofia, dove furono espulsi tre dei suoi giocatori.

Mancini ha dichiarato a RAI Sport: “Tutte le partite sono difficili, soprattutto contro squadre come la Bulgaria che mettono tutti dietro la palla e aspettano solo il contropiede”.

“Fino a quando non trovi la svolta, non ci sono spazi e ti rende la vita difficile.

“Siamo in un momento della stagione in cui i giocatori sono un po ‘stanchi. Non ci siamo concessi una sola possibilità nel primo tempo e lo abbiamo fatto solo nel secondo dopo aver sprecato numerose occasioni per aumentare il nostro vantaggio.

“Come ho detto, non esiste una partita facile. Le altre squadre non ti danno spazio e invece cercano solo di neutralizzarti. Fino a quando non ottieni il primo gol, è a un punto morto.

“Penso ancora che abbiamo fatto una prestazione molto buona in quelle circostanze. Abbiamo provato stasera dopo il secondo gol a segnarne un terzo, che è quello che avremmo dovuto fare contro l’Irlanda del Nord.

“Non vedo altre squadre vincere 7-0 o 8-0 questa settimana. Sappiamo che la differenza reti è importante, ma i punti significano ancora di più e speriamo di battere la Svizzera”.

 

Manos Staramopoulos 
Giornalista – Analista di calcio e affari internazionali
Membro del comitato calcistico AIPS e della IFFHS World Statistics Federation
Corrispondente: France Football, A Bola, Discoveryfootball. com, Mundo Deportivo
manos staramopoulos
Translate »
error: Contenuto protetto!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: