Ronaldo positivo al Covid-19, Freitas: “Qualcosa nella bolla non ha funzionato”

Maio Freitas, uno dei più noti epidemiologi portoghesi, è stato intervistato dal quotidiano “A Bola”, riguardo la positività al Covid-19 di Cristiano Ronaldo emersa ieri.

Il virus ha una grande capacità di trasmissione ogni volta che le persone non hanno un’adeguata distanza sociale o non usano una maschera. Se le due ragioni sono combinate, il rischio è maggiore“. Ha dichiarato Freitas.

Poi ha aggiunto: “Tuttavia, una persona può essere infetta e non essere un importante trasmettitore del virus. Qualcosa nella bolla non ha funzionato. Nonostante la bolla, ci vuole solo un momento di distrazione perché qualcuno si contamini. Questo virus non è matematica, se lo fosse, lo controlleremmo in modo più perfetto .L’incubazione dura fino a 14 giorni, anche se più spesso tra 3 e 8 giorni. Ma succede anche che l’infezione si trasmetta nei 14 giorni: i rischi sarebbero pari a zero solo se si entrasse in una specie di prigione”.

C’è una foto pubblicata sul suo profilo Instagram che fa molto preoccupare sul rischio di nuovo contagi.

 

Il vicepresidente dell’associazione medici di salute pubblica, Gustavo Tato Borges, ha detto al riguardo: “Quell’immagine di lui a cena con tutta la squadra, ieri…. È probabile che durante la prossima settimana alcuni di questi giocatori, ovvero quelli che gli erano più vicini a questa cena, come Pepe, Sérgio Oliveira o Cancelo, possano essere contagiati”.

Foto da Web

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: