Oltre 200 associazioni membri aderiscono al Talent Development Program della FIFA

Oltre 200 associazioni membri aderiscono al Talent Development Program della FIFA

  • Arsène Wenger, Chief of Global Football Development della FIFA: “Il programma mira a dare una possibilità a ogni talento”
  • Analisi approfondita dell’ecosistema calcistico di ciascuna associazione membro
  • Esperti leader a livello mondiale per implementare il programma

Oltre 200 federazioni affiliate in tutte le confederazioni si sono iscritte al primo Talent Development Program della FIFA, stabilendo un nuovo punto di riferimento per le iniziative create dall’organo di governo del calcio mondiale nell’area. L’elenco comprende, tra molti altri, gli attuali campioni del mondo maschile e femminile, rispettivamente Francia e Stati Uniti, nonché le federazioni affiliate che non si sono mai qualificate per un torneo FIFA.

Lanciato nel gennaio 2020 dal capo dello sviluppo calcistico globale della FIFA Arsène Wenger, il programma mira a fornire alle federazioni affiliate un’analisi approfondita del loro ecosistema ad alte prestazioni nel calcio sia maschile che femminile, comprese tutte le squadre nazionali, i campionati nazionali, i progetti di scouting e le accademie , al fine di garantire che ogni giocatore di talento abbia la possibilità di raggiungere il proprio potenziale.

“Il mondo intero si è iscritto al FIFA Talent Development Program. Siamo molto orgogliosi dell’elevato numero di partecipanti e della fiducia che tutte le associazioni associate ci hanno dato. Con la fiducia, però, viene la responsabilità: dobbiamo essere rapidi, disponibili, competenti ed efficienti ”, ha affermato Wenger.

“Il successo del programma si baserà su una buona comunicazione e un’analisi precisa delle esigenze di ogni associazione membro in modo da poter fornire un rapporto e fornire supporto su misura. Vogliamo anche creare opportunità, ad esempio attraverso modelli di best practice, in cui le associazioni membri possono imparare gli uni dagli altri e avere la possibilità di pensare fuori dagli schemi e dal proprio ambiente “, ha aggiunto.

Poiché la salute rimane la priorità principale alla luce della pandemia COVID-19, gli strumenti online sono destinati a svolgere un ruolo chiave nell’attuazione del Talent Development Program.

Un gruppo di 30 esperti FIFA, tra cui l’ex allenatore della nazionale femminile degli Stati Uniti April Heinrichs, l’ex allenatore dell’Inghilterra Steve McClaren e l’ex direttore dello sviluppo calcistico della Premier League Ged Roddy, hanno sostituito le loro visite in loco con valutazioni a distanza e, in base alle informazioni online indagini e interviste – produrrà un rapporto per ciascuna delle associazioni membri, mappando così i loro ecosistemi tecnici.

“Grazie alla tecnologia il calcio può restare unito nonostante la distanza. Abbiamo ricevuto feedback positivi dalle associazioni membri, desiderose di iniziare. Il calcio ha un’enorme responsabilità educativa. Il FIFA Talent Development Program ha lo scopo di dare una possibilità a ogni bambino nel mondo che vuole giocare a calcio e aiutarlo a migliorare e provare emozioni positive. Spero che il programma possa aiutare i bambini a diventare giocatori di alto livello, o in caso contrario, almeno dare loro l’opportunità di seguire i loro sogni e giocare al gioco che amano “, ha concluso Wenger.

Nel 2021, la FIFA si concentrerà sull’implementazione di programmi tecnici su misura per ciascuna associazione membro al fine di affrontare potenziali sfide e massimizzare i vantaggi comparativi che ciascuna associazione possiede.

James Johnson, amministratore delegato, Football Federation Australia (FFA)

“FFA è ansiosa di impegnarsi con la FIFA, i suoi esperti e altre associazioni membri di tutto il mondo tramite il nuovo FIFA Talent Development Program, un’iniziativa che traccia un tempestivo parallelo ad alcuni degli importanti lavori attualmente intrapresi da FFA.

“Nel nostro documento di discussione” XI Principles for the Future of Australian Football “recentemente pubblicato, evidenziamo la nostra attenzione allo sviluppo dei giovani, ai percorsi dei giocatori, alle strutture delle competizioni e sottolineiamo la nostra ambizione di creare ambienti di livello mondiale per lo sviluppo degli allenatori nella nostra nazione.

“Con il tempo, il nuovo Talent Development Program della FIFA ci consentirà di accedere a un rapporto tecnico dedicato per l’Australia, che sarà confrontato con le altre associazioni membri coinvolte nel programma. Ciò si aggiungerà alle informazioni a disposizione del nostro personale tecnico e di gestione, aiutandoci a prendere decisioni più informate a livello locale che possono aiutarci in modo prospettico in futuro sulla scena globale “.

Patrice Flaccadori, Direttore tecnico, Tahiti Football Association (FTF)

“Questo programma è estremamente importante per la Tahitian Football Association perché aiuterà a portare maggiore professionalità ai nostri membri.

“Data la nostra particolare situazione (posizione geografica, dati demografici, livello di sviluppo e così via), la nostra associazione deve valutare tutti i suoi programmi ogni anno, soprattutto il modo in cui sono organizzati i nostri programmi di performance d’élite.

“I vari questionari forniti ci permetteranno di vedere a che punto sono le cose e di misurare il divario tra la situazione iniziale, gli obiettivi individuati e il risultato finale.

“Aiuteranno anche a stimolare idee e nuove linee di pensiero su come sviluppare strutture, come l’importanza di elaborare un piano di sviluppo, di monitorare gli attori utilizzando dati longitudinali, di organizzare le delegazioni (fogli di missione), di pianificazione e / o programmazione , eccetera.

“Per riassumere, il programma è rilevante perché ci aiuterà da un punto di vista strutturale”.

Roberto Martínez, allenatore e direttore tecnico, Federcalcio belga (RBFA)

“Come associazione, abbiamo sempre incoraggiato l’essere aperti e la condivisione a tutti i livelli del gioco. Abbiamo buone esperienze di condivisione di progetti all’interno del calcio belga, e conosciamo in prima persona i vantaggi nel farlo e nel collegare diversi progetti durante lo sviluppo amatoriale, professionale e dei giocatori. Ecco perché siamo così entusiasti dell’iniziativa della FIFA, che potrebbe avere risultati senza precedenti per il mondo del calcio. Questa iniziativa collegherà tutte le federazioni calcistiche di tutto il mondo e potrebbe dare il via a un nuovo futuro per il gioco, senza lasciare intatti i talenti “.

Lucía Mijares Martínez, Direttore dello sviluppo sportivo, Federcalcio messicana (FMF)

“Il FIFA Talent Development Program è un’iniziativa così potente per aiutarci a capire dove siamo come MA in termini di talenti a livello nazionale e ci aiuterà a identificare come possiamo continuare a crescere ed evolvere per raggiungere i nostri obiettivi di sviluppo, sportivi e strategici come nazione calcistica. Ciò include il potenziamento delle nostre competizioni, il nostro coaching e lo sviluppo dei giocatori, con l’obiettivo di dare una possibilità a ogni giocatore di talento “.

Etienne Sockeng, vicedirettore tecnico, Federcalcio camerunense (FECAFOOT)

“Questo programma ci consente di migliorare il modo in cui giochiamo a calcio e di lottare contro la perdita di talenti. Da maggio 2020 lavoriamo con gli esperti FIFA su diversi moduli, come le strutture di allenamento per i giovani giocatori e la nostra tecnologia di fidelizzazione dei talenti per limitare il margine di errore e garantire a ogni ragazzo e ragazza la possibilità di giocare e andare avanti. ”

Diogo Netto, Responsabilità sociale e sostenibilità, Federcalcio brasiliana (CBF)

“È un grande onore per la Federcalcio brasiliana partecipare a questo programma FIFA.

“La CBF è sempre attenta alle questioni importanti sollevate dalla FIFA ed è pienamente impegnata a investire nello sviluppo del calcio brasiliano su base di parità tra uomini e donne. Siamo coinvolti in varie aree e attività, come la formazione dei professionisti, il calcio di base, le competizioni, squadre nazionali, programmi di responsabilità sociale e altri.

“La CBF è pienamente consapevole dell’importanza del ruolo che gioca nella società del paese. Pertanto, l’analisi dell’ecosistema calcistico brasiliano ci fornirà una base su cui mantenere la nostra eredità di sviluppo dei talenti nel calcio”.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: