Il principe dell’Arabia Saudita, Abdul Rahman si dichiara un fanatico seguace di CR7 e Messi

Il ricco principe saudita tra la Cittadella di Madrid e il deserto di Riyadh che ha unito un interesse unico tra l’hobby dei cammelli, l’animale preferito in Medio Oriente, e il commercio di moda e le principali marche di moda in Spagna. Certo, è un fan sia di Cristiano Ronaldo che di Lionel Messi e difficilmente perde l’occasione di guardare quando il suo lavoro lo consente, mentre gli piace anche il Real Madrid e gli piace guardare il classico.

Il Principe Abdul Rahman bin Khalid bin Musaed bin Abdulaziz ( a destra)  ha iniziato la sua vita a Riyadh, e ha continuato la sua vita e gli studi della lingua spagnola e dei campi del marketing e degli affari, fino a quando ha incontrato Isaac Indyk, fondatore e proprietario di Brand Mango, e il secondo uomo ricco in Spagna, dove ha lavorato come consulente che è diventato uno dei primi a portare l’antico marchio spagnolo in Medio Oriente, precisamente in Arabia Saudita.

Il principe Abdul Rahman ha speso più di 120 milioni di riyal sauditi nel suo hobby, il che lo ha reso un feroce concorrente e proprietario dei tipi più preziosi di cammelli neri e li ha chiamati in arabo (Majahim).

Abdulaziz per i cammelli, che ha vinto per 3 anni consecutivi ed è stato premiato dal re Salman e dal principe Muhammad bin Salman.

L’interesse del principe Abdul Rahman per i cammelli ha attirato gli occhi della regione, fino a quando l’Agenzia di stampa saudita (SPA) ha annunciato ieri la sua nomina a rappresentante del Regno nell’Organizzazione internazionale dei cammelli (ICO).

Ha attirato gli occhi dei canali di documentari che accorrevano a lui per girare film documentari e drammatici, e ha anche attratto le lingue di poeti e cantanti che hanno sempre scritto i versi più meravigliosi della poesia araba sui cammelli di sua proprietà

Anche i suoi figli Khaled (il maggiore) e sua figlia Sirin hanno ereditato l’attenzione dei sauditi, poiché quest’ultimo (Sirin) ha partecipato al penultimo festival come prima partecipazione di una donna saudita al Festival dei cammelli, dove il suo cammello (saudita), che è considerato uno dei tipi di cammelli più rari e più alti, ha ottenuto il primo prezzo (più di un milione di dollari). Con distinzione, attirando la comunità saudita, che è stata ricca di emancipazione delle donne negli ultimi tempi, secondo la visione 2030 di Sua Altezza il Principe Ereditario.

E suo figlio maggiore Khaled, che ha vinto i premi del cammello nero in tutti i festival dei cammelli in Arabia Saudita e negli Emirati, e che dovrebbe completare la carriera di suo padre per hobby e interessi, in modo che suo padre si dedicherà alla sua missione diplomatica rappresentando l’Arabia Saudita. Arabia nell’organizzazione in questo periodo …

Manos Staramopoulos

Giornalista – Analista di calcio e affari internazionali

Membro del comitato calcistico AIPS e della IFFHS World Statistics Federation

Corrispondente: France Football, A Bola, Discoveryfootball. com, Mundo Deportivo
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: