La Mahd Sports Academy, nuova rivelazione nell’Arabia Saudita

L’Arabia Saudita ha finalmente svelato la tanto attesa Mahd Sports Academy, un progetto incentrato sulla scoperta e lo sviluppo del talento saudita locale all’interno e all’esterno della nazione in Arabia Saudita. Con gli sport individuali e di gruppo da includere, sia le ragazze che i ragazzi dai 6 ai 12 anni potranno prendere parte al nuovissimo sistema di sviluppo.
Il presidente della FIFA, Gianni Infantino, si è congratulato con il Regno per l’apertura del suo nuovo progetto sportivo, un progetto che influenzerà positivamente il calcio, visto che è lo sport più popolare dell’Arabia Saudita. Dalla sua fine, Jose Mourinho ha elogiato l’iniziativa del Regno di aumentare le ore di pratica dei bambini con il gioco. Fabio Capello, Roberto Mancini ed Edwin Van der Sar sono stati tra le altre figure calcistiche chiave che hanno elogiato questo progetto.
Si prevede che Mahd diventerà una delle più grandi accademie sportive del mondo nel prossimo decennio, poiché il Regno mira a creare una nuova generazione d’oro che permetterà alla nazione di competere a livello continentale e internazionale. Questo arriva dopo una serie di fallimenti che la squadra nazionale saudita ha affrontato negli ultimi anni; perdere 5-0 contro la Russia alla Coppa del Mondo FIFA 2018 e non riuscire a vincere la Coppa asiatica del 2019.
Nonostante questi fallimenti, l’Arabia Saudita ha goduto di un’era d’oro, con nuovi regolamenti che consentono di ospitare eventi sportivi di livello mondiale nella nazione. Mentre il Regno mette gli occhi su Vision 2030, ha ospitato artisti del calibro della Supercoppa italiana, della Supercoppa spagnola e del Campionato mondiale di boxe. La stessa accademia è il risultato di questi eventi, poiché l’Arabia Saudita mira a competere sviluppando talenti locali di livello mondiale.
L’accademia cercherà i giocatori in due modi: il primo attraverso la scuola elementare, dove oltre 10.000 insegnanti di educazione fisica insieme agli scout si alleneranno e cercheranno giocatori rispettivamente. La seconda fase prevede che gli eletti si uniscano al centro di scoperta dei talenti, che il paese intende avere 44 entro la fine del 2025, inclusi 1,7 milioni di partecipanti.
                                                                                Arabia Saudia e Grecia
Sua Altezza il Principe Abdulaziz bin Turki Al-Faisal, il Ministro dello Sport, ha commentato l’accademia: “Questo progetto è un passo da sogno per l’Arabia Saudita, con la nazione ora concentrata sulla creazione di talenti sauditi di livello mondiale che renderanno orgoglioso il loro paese. ” Dalla sua fine, Abdulla bin Faisal Hammad, direttore esecutivo della Mahd Sports Academy, ha spiegato che “abbiamo più di 1,7 milioni di studenti nelle scuole elementari che praticano sport per un’ora alla settimana, ma i loro talenti non vengono riconosciuti fino a quando non raggiungono i 14 anni. ” Ha continuato, “a questa età è più difficile creare un campione sportivo, se possiamo collegarci con loro in precedenza e fornire loro un allenamento migliore e più, saremo in grado di creare giocatori migliori”.
Il rapporto tra Arabia Saudita e Grecia è giovane, tuttavia, entrambe le nazioni hanno beneficiato reciprocamente nell’ultimo decennio, portando alla continuazione di un rapporto positivo. Con il turismo, gli investimenti e il commercio concordati come le principali aree di cooperazione delle nazioni, entrambe le nazioni saranno destinate a beneficiare di questa prospera relazione

Manos Staramopoulos

Giornalista – Analista di calcio e affari internazionali

Membro del comitato calcistico AIPS e della IFFHS World Statistics Federation

Corrispondente: France Football, A Bola, Discoveryfootball. com, Mundo Deportivo
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: