La sostenibilità è al centro dei preparativi per la Coppa del Mondo FIFA nel Qatar

L’impegno del Qatar di ospitare una Coppa del Mondo FIFA a emissioni zero e di fornire strutture per tornei rispettosi dell’ambiente è stato discusso durante un webinar ospitato dal Josoor Institute.

 Intervengono nel panel di sole donne, intitolato “Fornire sostenibilità ambientale per la Coppa del Mondo FIFA Qatar 2022 ™”, tra cui Ingegnere Bodour Al Meer, Senior Manager Sostenibilità e Ambiente, Supreme Committee for Delivery & Legacy (SC), Madleen Noreisch, Senior della FIFA Responsabile della sostenibilità, Dr Eiman Eliskandarani, Direttore del Sistema di valutazione della sostenibilità globale (GSAS) Trust presso la Gulf Organization for Research & Development (GORD), e Ruba Hinnawi, Specialista tecnico, Qatar Green Building Council (QGBC). L’evento è stato moderato dal dott. Talar Sahsuvaroglu, esperto in materia di sostenibilità e materie ambientali presso la SC.

 Al centro delle discussioni è stata la strategia di sostenibilità del Qatar 2022, pubblicata all’inizio di quest’anno da FIFA, SC e FIFA World Cup Qatar 2022 LLC. È la prima strategia di sostenibilità per i Mondiali ad essere attuata congiuntamente dalla FIFA, dal paese ospitante e dagli organizzatori locali e delinea cinque impegni, 22 obiettivi e oltre 70 iniziative.

                                                      Al Meer

Al Meer ha dichiarato: “La sostenibilità ambientale è una parte fondamentale della visione e dell’impegno della SC come prossimi ospiti della Coppa del Mondo FIFA. La nostra strategia di sostenibilità congiunta fornisce un eccellente esempio di pianificazione tempestiva, comunicazione e processo decisionale responsabile da parte degli organizzatori del torneo. Attraverso l’implementazione di iniziative ambientali nella strategia, stiamo proteggendo il delicato ambiente del Qatar e contribuendo alla Qatar National Vision 2030 e agli Obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. “

Noreisch ha descritto la strategia come una delle più ambiziose nella storia della Coppa del Mondo. Ha elogiato la dedizione del Qatar alla sostenibilità, in particolare la forte collaborazione con le principali parti interessate.

“Alla FIFA, ci impegniamo a fare del nostro meglio per proteggere l’ambiente e siamo lieti di trovare un partner locale nella SC che si impegni ugualmente su questa causa”, ha affermato Noreisch.

 “Insieme, tutte le parti chiave che hanno organizzato il torneo si sono sviluppate, pubblicate e sono ben avviate verso l’implementazione della strategia di sostenibilità. Questa strategia assicura che continuiamo a concentrare i nostri sforzi sulle questioni di sostenibilità più rilevanti, come è stato fatto per le edizioni 2014 e 2018 dei Mondiali ”.

 Ogni sede del torneo del Qatar 2022 è richiesta per ottenere la certificazione GSAS. Il sistema è gestito da GORD e approvato dalla FIFA come sistema ufficiale di classificazione degli edifici ecologici per il Qatar 2022.

Eliskandarani ha dichiarato: “Quando si tratta di sostenibilità ambientale, la SC è in testa all’esempio con l’impiego delle più recenti tecnologie ecologiche nei luoghi della Coppa del Mondo. Il recente stadio Education City Stadium, che ha ottenuto un punteggio GSAS a cinque stelle, rappresenta una vasta gamma di possibilità per qualsiasi mega progetto disposto ad abbracciare la sostenibilità ambientale.

 “GORD è orgogliosa di svolgere un ruolo significativo nella costruzione di un futuro sostenibile attraverso la definizione di standard di bioedilizia a supporto del Qatar National Vision 2030.”

 Un altro argomento discusso è stato il premio Green Key – un marchio di qualità ecologica internazionale per strutture turistiche stipulato dalla Fondazione per l’educazione ambientale. QGBC è l’operatore nazionale del programma dal 2017 e ritiene che aiuterà il Qatar a raggiungere il suo obiettivo di offrire un torneo a emissioni zero.

 Hinnawi ha dichiarato: “Gli hotel Green Key conformi al Qatar mostrano le migliori pratiche che riflettono un alto livello di responsabilità e consapevolezza responsabili, dalla definizione di politiche ambientali, piani operativi e obiettivi di riduzione di acqua ed energia, oltre a fornire soluzioni innovative per la gestione del personale e degli ospiti .

“Green Key fornirà un quadro sostenibile per gli hotel per contribuire alla realizzazione di una Coppa del Mondo a emissioni zero e per allentare la pressione sull’ambiente e sui servizi del nostro Paese durante il torneo.”

 Josoor Institute è un centro di eccellenza per i settori dello sport e degli eventi. Ispirato e sviluppato da SC, Josoor Institute è un programma legacy del Qatar 2022 che mira a garantire che le conoscenze acquisite ospitando la Coppa del Mondo siano trasmesse alla prossima generazione di professionisti del settore in Medio Oriente e nel mondo arabo.

 Vasco Kurkjian, Senior Manager di Capability Building di Josoor Institute, ha dichiarato: “Josoor Institute è impegnato nello sviluppo delle competenze e delle competenze dei professionisti del settore in Qatar e nella regione per fornire il torneo e altri eventi importanti, attraverso il nostro diploma professionale e programmi di sviluppo esecutivo, seminari e ricerche sulla regione MENA “.

Manos Staramopoulos

Giornalista – Analista di calcio e affari internazionali

Membro del comitato calcistico AIPS e della IFFHS World Statistics Federation

Corrispondente: France Football, A Bola, Discoveryfootball. com, Mundo Deportivo
Ενσωματωμένη εικόνα
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: