UEFA, approvate le misure di emergenza sulle licenze e fair play

l Comitato Esecutivo UEFA si è riunito in videoconferenza e ha approvato una serie di misure temporanee di emergenza come integrazione  al regolamento sulle licenze per club e sul fair play finanziario per tenere conto degli effetti negativi del COVID-19 sulle finanze dei club.

Tali misure sono state sviluppate e sostenute all’unanimità da tutte le parti interessate all’interno del gruppo di lavoro d’emergenza UEFA sulle questioni legali, regolamentari e finanziarie, che comprende rappresentanti della UEFA, dell’ECA, delle Leghe Europee e della FIFPRO Europa.

Queste nuove misure d’emergenza mirano a:

Garantire flessibilità e assicurare allo stesso tempo che i club continuino ad adempiere puntualmente ai loro obblighi riguardanti trasferimenti e stipendi;

Dare ai club più tempo per quantificare e contabilizzare le perdite di fatturato non previste;

Neutralizzare l’impatto negativo della pandemia consentendo ai club di adeguare il calcolo del pareggio di bilancio per le mancate entrate registrate nel 2020 e nel 2021, proteggendo allo stesso tempo il sistema da potenziali abusi;

Garantire la parità di trattamento dei club in cui l’impatto del COVID-19 possa aver influito in più periodi di rendicontazione a causa di scadenze fiscali diverse e diversi calendari dei campionati nazionali;

Affrontare il problema attuale della carenza di entrate dovuta all’emergenza COVID-19 e non a una cattiva gestione finanziaria;

Mantenere lo spirito e l’intento del fair play finanziario per la sostenibilità a lungo termine del calcio. 

I punti chiave coperti dall’integrazione riguardano :

Debiti scaduti – valido per la stagione 2020/21

tutte le società che partecipano alle competizioni UEFA devono dimostrare entro il 31 luglio (invece del 30 giugno) e il 30 settembre di non avere debiti scaduti per trasferimenti, dipendenti ed enti socio-fiscali legati a pagamenti da liquidare rispettivamente al 30 giugno e al 30 settembre;

tutti i club che partecipano alle competizioni UEFA devono comunicare le informazioni relative ai movimenti per i trasferimenti al 30 giugno e al 30 settembre, in modo da consentire la verifica incrociata tra le informazioni e i debiti di altri club. 

Regola di pareggio di bilancio – valido per la stagione 2020/21 e 2021/22

 la valutazione dell’esercizio 2020 è rinviata di una stagione e sarà valutata insieme all’esercizio finanziario 2021;

 il periodo di monitoraggio 2020/2021 è ridotto e copre solo due periodi di rendicontazione (esercizi finanziari che terminano nel 2018 e nel 2019);

 il periodo di monitoraggio 2021/2022 è esteso e copre quattro periodi di rendicontazione (esercizi finanziari che terminano nel 2018-2019-2020 e 2021).

 gli esercizi finanziari 2020 e 2021 sono valutati come un unico periodo;

 l’impatto negativo della pandemia viene neutralizzato facendo la media del deficit combinato del 2020 e del 2021, nonché consentendo ulteriori aggiustamenti specifici legati al COVID-19.

Finestra di mercato sincronizzata

Il termine ultimo per la registrazione dei giocatori alla fase a gironi delle competizioni per club UEFA 2020/21 è stato fissato al 6 ottobre 2020. Di conseguenza, il Comitato Esecutivo UEFA ha invitato tutte le federazioni affiliate ad adottare una data finale compatibile per la prossima finestra di trasferimento estiva, con questa data fissata al 5 ottobre 2020.

Nuovi membri negli Organi Disciplinari UEFA

A seguito delle modifiche allo statuto adottate dal Congresso UEFA a marzo – che ora consentono, oltre alle Federazioni Nazionali UEFA, anche all’ECA, alle Leghe Europee e all’amministrazione UEFA di proporre membri per gli Organi di Amministrazione e Giustizia UEFA – sono stati nominati i seguenti nuovi membri negli Organi Disciplinari UEFA con l’obiettivo di consentire una maggiore diversità nella composizione di questi organi.

Organo di controllo, etico e disciplinare

Bobby Barnes (ENG) – proposto dalla Federcalcio inglese

Julius Becker (GER) – proposto dall’ECA

Madalina Diaconu (ROM) – proposto dall’amministrazione UEFA

Neil Doncaster (SCO) – proposto dalle Leghe Europee

Aine Power (IRL) – proposto dall’amministrazione UEFA

Célia Šašić (GER) – proposto dall’amninistrazione UEFA

Organo d’Appello UEFA 

Marta Cruz (POR) – proposto dall’amministrazione UEFA

Pierre François (BEL/FRA) – proposto dalle Leghe Europee

Claude Ramoni (SUI) – proposto dall’ECA

Linee guida UEFA

Il Comitato Esecutivo UEFA ha approvato le linee guida per i giovani calciatori che intendono contribuire a proteggere la loro salute e garantire la loro sicurezza sia durante gli allenamenti che durante le partite.

Fa seguito ai risultati di due studi commissionati dalla UEFA nel 2018, con gruppi di ricerca indipendenti dell’Università di Saarland (Germania) e della Hampden Sports Clinic e del Greater Glasgow & Clyde Health Board (Scozia).

In queste linee guida si trovano raccomandazioni e consigli su aspetti specifici come la dimensione e la pressione del pallone nonché la necessità di esercizi per il potenziamento dei muscoli del collo.

Le Associazioni nazionali possono adottare ulteriori regole ma dovrebbero sempre includere le linee guida UEFA.

Procedura per il sorteggio delle qualificazioni alla Coppa del Mondo FIFA 2022

La procedura del sorteggio delle qualificazioni europee 2021/22 è stato approvato – in attesa della conferma finale della FIFA – e vedrà le squadre suddivise in dieci gruppi – cinque gironi da sei e cinque gironi da cinque – con partite in casa e in trasferta. Le dieci vincitrici dei gironi si qualificheranno direttamente, mentre le dieci seconde andranno agli spareggi insieme a due squadre provenienti dalla UEFA Nations League, per determinare le ultime tre nazionali europee qualificate alla Coppa del Mondo FIFA 2022.

Nuovo format per i campionati femminili U17 e U19

Il Comitato Esecutivo UEFA ha approvato un nuovo format per consentire l’ulteriore crescita delle giovani calciatrici élite come parte del continuo impegno della UEFA nel calcio femminile.

Il nuovo format è in stile campionato e può essere riepilogato secondo queste informazioni chiave:

Due leghe

Per la prima stagione, le entranti  saranno suddivise in due leghe (A e B) a seconda del ranking

Primo turno

In ogni lega, gruppi di 4 squadre si affronteranno in mini tornei

Le vincitrici di ciascun mini torneo della Lega B saranno promosse mentre le ultime dei mini tornei della Lega A retrocesse.

Secondo turno

Il secondo turno della Lega A sostituirà l’attuale turno elite, con i vincitori (e la migliore seconda) qualificati alla fase finale

Dopo il secondo turno, le vincitrici dei mini tornei della Lega B verranno promosse mentre le ultime classificate della Lega A saranno retrocesse e ripartiranno dal primo turno della Lega B della successiva edizione del torneo

Dove si giocherà la fase finale

La nazione ospitante della fase finale verrà sorteggiata nella lega a seconda del suo ranking e giocherà la competizione come qualsiasi altra squadra. ll suo posto nel torneo finale sarà comunque garantito, indipendentemente dai risultati.

Il nuovo format garantirà un maggiore equilibrio competitivo perché tutte le squadre giocheranno contro squadre di pari livello, dando comunque la possibilità ad ogni squadra di qualificarsi per ogni torneo finale.

Tale format garantisce inoltre un minimo di 5 o 6 partite ufficiali a stagione – che si svolgeranno nelle finestre già stabilite riservate alle nazionali.

Inoltre, i padroni di casa della fase finale saranno inclusi nei turni di qualificazione, dando così loro la possibilità di confrontarsi in partite ufficiali prima del torneo finale.

Questo nuovo format sarà adottato a partire dalla stagione 2021/22.

Karl-Heinz Rummenigge, amministratore delegato dell’FC Bayern Monaco, è preoccupato per lo stretto programma di agosto e settembre.

“In realtà penso che non sia buono ciò che è stato appena discusso e speriamo che non sia stato ancora deciso alla fine”, ha detto il 64enne in “ZDF-Morgenmagazin” al fine di stabilire limiti internazionali all’inizio di settembre.

Mercoledì scorso, l’Unione Europea del Calcio ha anche programmato la finale della Champions League a Lisbona per il periodo dal 12 al 23 agosto. L’Europa League si giocherà in Germania dal 10 al 21 agosto.

“Se una squadra, indipendentemente dal fatto che Lipsia, Bayern o Leverkusen, arrivi lontano nella competizione, devi garantire che i giocatori trascorrano almeno due settimane di vacanza in seguito”, ha dichiarato Rummenigge.

Rummenigge contro le “decisioni al tavolo verde”

Il Bayern deve ancora disputare il girone di sedicesimi di finale contro il Chelsea (andata: 3: 0), l’RB Leipzig è già nei quarti di finale. Leverkusen, come il VfL Wolfsburg e l’Eintracht Frankfurt, sono ancora in Europa League.

Per quanto riguarda la Coppa Europa, è contento “che la UEFA finirà la Champions League”, ha dichiarato Rummenigge, “perché sono un avversario aspro delle decisioni al tavolo verde”.

La squadra nazionale giocherà nella Nations League il 3 settembre contro la Spagna e tre giorni dopo in Svizzera. Secondo Rummenigge, la Bundesliga sta anche pianificando di “iniziare la nuova stagione a metà settembre”. Una possibile data sarebbe venerdì 11 settembre.

Foto UEFA

Manos Staramopoulos

Giornalista – Analista di calcio e affari internazionali

Membro del comitato calcistico AIPS e della IFFHS World Statistics Federation

Corrispondente: France Football, A Bola, Discoveryfootball. com, Mundo Deportivo

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: