Lazio, Lotito sulle orme di Parolo e Acerbi : “Il Decreto è illogico!”

Claudio Lotito, presidente del club biancoceleste, non si è fermato alla prima critica, è ritornato infatti, dopo le dichiarazioni fatte da Spadafora, in maniera molto forte e diretta sulle decisioni prese dal Governo per gestire la situazione dell’emergenza sanitaria da Covid-19: “Dobbiamo partire da un presupposto, cioé che sappiamo con certezza che il virus non scomparirà in poco tempo quindi bisognerà imparare a conviverci. Quello che conta di più è far capire l’importanza del ruolo sociale del calcio. Se il calcio non dovesse partire avremmo danni gravi, irreparabili, per centinaia e centinaia di milioni.” dichiara il presidente della Lazio.

Poi parlando del nuovo decreto e definendolo “illogico” aggiunge: “Il Decreto del Presidente del Consiglio è illogico: un giocatore di sport individuale si può allenare nei centri sportivi, quelli che praticano sport di squadra non si potranno allenare. Troveremo Immobile e Dzeko a Villa Borghese, Insigne sul lungomare Michelangelo.

Poi conclude: “La cosa è assurda. Al di là della nostra posizione in classifica, io ho sempre cercato di evitare un danno irreparabile al sistema, che è inteso come tifosi e come sistema calcio nella sua totalità”.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: