La Figc risponde ai 17 medici di Serie A che ancora hanno dubbi : “Questione già affrontata e discussa”

Sono già state analizzate dal ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora molte delle richieste fatte alla Commissione medico scientifica della Federcalcio da 17 medici dei club di Serie A riguardo al protocollo per la ripresa degli allenamenti. Questa la situazione della Figc riguardo alla lettera inviata il 19 aprile, lo stesso giorno in cui si è dimesso Rodolfo Tavana, dai 17 medici sociali dei club al professore Paolo Zeppilli.

Proprio Zeppilli, la mattina seguente, rispondendo a Tavana sulle segnalazioni arrivate, ha sottolineato che sarebbero state portate alla visione di tutti tra cui i Ministri e i loro esperti, inoltre ha evidenziato che potrebbero essere usate per arricchire le eventuali linee guida definitive.

Direttamente dalla Figc, è stato precisato che la questione è stata già “affrontata e discussa con spirito di collaborazione”.

Riguardo al tema “Gruppo chiuso per la ripresa degli allenamenti” si rimarca il fatto che, all’unanimità , era stata considerata dalla Commissione medico scientifica come la “scelta che dava più garanzie per la tutela della salute”. Infatti ad oggi il rischio zero non esiste e non si sa nemmeno se esisterà. In conclusione, le dimissioni di Tavana, hanno portato la Figc in uno stato di attesa di un nuovo referente medico della Lega Serie A all’interno della Commissione.

I 20 responsabili medici di Serie A, prima dell’incontro delle componenti della federcalcio con il ministro Spadafora, precisano alla commissione tecnico-scientifica sull’emergenza coronavirus: “I medici ci tengono ora a chiarire  che tali documenti sono finalizzati esclusivamente alla tutela della salute dei tesserati e sperano che vengano unicamente utilizzati a tale scopo. In sostanza nessuno di noi è contrario a finire il campionato, non c’è alcuna preclusione, anzi. Siamo tutti perché il torneo venga concluso. Il problema è quando, perché va fatto in sicurezza. Noi siamo convinti che questa sicurezza si possa ragionevolmente raggiungere, e la questione decisiva dunque è la variabile tempo”.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: