Galliani, la nuova formula per la Serie A

Adriano Galliani ha parlato ai microfoni de “Il Giornale” sulla situazione calcistica italiana riguardo a diversi fattori.

L’ex amministratore delegato del club rossonero, parlando sul fatto di terminare la stagione 2019-2020 dice: “Finire i campionati è infinitamente meglio che non giocare più”. Poi aggiunge: “La prima data utile sembra giugno ma se così non fosse sposteremmo le lancette più in là.”

Nell’intervista Galliani parla dell’ipotesi di allineare i campionati all’anno solare, quindi finire la stagione attuale con calma (anche a settembre o oltre) e far ripartire la prossima stagione nell’anno nuovo: “Intanto se tra campionati e coppe si andasse in autunno, sarebbe una conseguenza quasi inevitabile. E poi nel 2022 ci saranno i Mondiali in Qatar da novembre a dicembre, possiamo allinearci”.

L’ad di Monza inoltre ha proposto una nuova formula per la prossima stagione di Serie A. Le sue parole:: “Dividere la Serie A in due gironi da dieci squadre con le prime otto o prime quattro che si sfidano ai playoff per lo scudetto facendo durare la stagione solo cinque mesi”.

Invece sul problema delle scadenze dei contratti al 3o giugno dice : “Da quello che so e leggo, i campionati europei finiranno in periodi diversi da loro. Quindi si potrebbe trasformare la data del 30 giugno nella frase ‘fino ai termine del campionato. Ovviamente andrà chiuso il mercato fino alla conclusione dei tornei in modo che chi non accettasse la nuova clausola, non possa accasarsi in un’altra squadra a campionato ancora in corso”.

Il suo pensiero poi va sulla Lega Pro, dove c’è proprio la sua squadra, il Monza : “Quello di Serie C è un campionato senza risorse che vive grazie al mecenatismo di 60 eroi che investono 120 milioni l’anno nel settore. Chissà quanti resisteranno alla tempesta economica prodotta dal virus”.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: