Razzismo, finto ‘giornalista’ cacciato dalla Tribuna Stampa per insulti a Barrow in occasione di Roma-Bologna

Razzismo allo stadio? Purtroppo si, e quello che stupisce è che viene da un settore ‘speciale’. Parliamo dello Stadio Olimpico di Roma, precisamente la Tribuna Stampa.

Fatto accaduto venerdi scorso in occasione della partita Roma-Bologna. Un tifoso ha urlato insulti razzisti durante la gara nei confronti del giocatore Bolognese Barrow. Nel corso del secondo tempo ha urlato «negro di m****» in occasione del gol del giocatore Rossoblu. Tutto questo è accaduto in tribuna stampa dove sono presenti giornalisti e professionisti del campo. E allora come mai un ‘tifoso’ era in un settore che non lo riguardava? M.M., giornalista freelance che ha svolto attività di comunicazione istituzionale presso la presidenza del Consiglio, ha ceduto il suo pass a un amico che, entrato con un biglietto di tribuna Monte Mario (ha passato indisturbato i controlli: nessuno gli ha chiesto il documento).

Subito sono intervenuti gli addetti alla sicurezza, che lo hanno allontanato dalla tribuna. Durissima la reazione della Roma, che ha comunicato al giornalista coinvolto che non sarà più accreditato in tribuna stampa per un anno. Non solo: l’uomo che si è macchiato di insulti razzisti sarà inserito nella BlackList dalle gare casalinghe per tre anni, in linea con quanto già avvenuto per altri casi e con il codice di condotta approvato dai club.

Translate »