Calcio, l’Antitrust contro 9 società di Serie A

Inter , Milan, Roma, Lazio, Juventus, Cagliari, Genoa, Udinese e Atalanta sono le 9 società di Serie A nel mirino dell’Antitrust, il quale ha avviato procedimenti istruttori alle società su elencate per “clausole vessatorie nei contratti di acquisto di abbonamenti e biglietti per le partite“. Si tratta di clausole che non riconoscerebbero il diritto al rimborso di tutto o parte dell’abbonamento (o del singolo biglietto), in caso di chiusura dello stadio o di rinvio della partita (motivi che non dipendono dal ‘cliente/tifoso’).

L’obiettivo dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato è dunque quello di verificare la presenza di clausole che producono uno squilibrio a danno del consumatore in quanto volte a escludere o limitare la responsabilità delle società. In particolare si vuole far luce su quelle clausole che non riconoscerebbero il diritto di un eventuale rimborso :

– a ottenere il rimborso di parte dell’abbonamento o del singolo titolo di accesso in caso in caso di chiusura dello Stadio o di parte dello stesso;
– a ottenere il rimborso del titolo di accesso per la singola gara in caso di rinvio dell’evento, sia per fatti imputabili alla società, sia quando tale circostanza prescinda dalla responsabilità di quest’ultima;
– a conseguire il risarcimento del danno qualora tali eventi siano direttamente imputabili alla società.

L’attività in corso fa seguito alla mancata accettazione dell’invito rivolto dall’Antitrust alle suddette società in data 8 maggio 2019, con il quale era stato richiesto di adottare iniziative dirette a modificare le condizioni contrattuali. È stata invece archiviata la posizione del Parma e quella del Bologna,  dopo che l’Autorità ha evidenziato le modifiche da parte di queste società nelle loro condizioni generali di contratto.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: